Come riconoscre il libro dell'estate?

Come un libro in estate diventa un fenomeno editoriale

Quasi tutte le estati hanno un libro dell'estate, anche se non tutte. Abbiamo avuto ''L’amore bugiardo'' (Gone Girl) nel 2012, ma forse il 2013 non lo ha avuto. E 'difficile dire perché succede e perché invece no...

Ogni estate ha il suo libro, un libro che avete accuratamente scelto prima di partire. Che sia un giallo, un romanzo storico, o una storia d’amore, la vostra estate, da perfetti amanti dei libri, sarà caratterizzata da un libro in particolare. Ecco quindi, tutti i libri che sono diventati i libri dell’estate

MILANO –  Quasi tutte le estati hanno un libro dell’estate: un romanzo, un giallo, una biografia…insomma, pagine che ci accompagnano durante la nostra pausa dalla routine e ci allontanano un po’ dallo stress. Ne è certo Lev Grossman, il giornalista di Time, che ha scritto un articolo molto interssante sui bestseller dell’estate, ovvero tutti quei libri che hanno cambiato le nostre vacanze senza nemmeno accorgercene. Noi vi riproponiamo i suoi titoli chiedendovi, ovviamente, di dirci se sieti daccordo con lui. Anche per voi ci sono stati dei libri dell’estate? E quali sono? Per Grossman, per esempio,  ”L’amore bugiardo” (Gone Girl) ha caratterizzato l’estate del 2012, mentre nel 2013 non c’è stato nessun libro. Chissà perché? Voi che ne pensate? E’ necessario che un libro sia un bestseller per diventare il vostro libro delle vacanze? Ecco, quindi, i titoli ricordati da Lev Grossman sul Time.

IL SUCCESSO DI AMERICAN PSYCHO – Forse in Italia non ha avuto lo straordinario successo che ha avuto anche in America, ma secondo Lev Grossman, l’estate del 1991 è stata caratterizzata da un libro che ha fatto davvero impazzire tutti:  “American Psycho”, con la sua immolazione selvaggia dei costumi del 1980.

PERCHE’ DIVENTANO LIBRI DELL’ESTATE? – L’unica cosa che i libri dell’estate hanno in comune è che tendono a rompere le regole: la gente li prende perché non riescono a credere che qualcuno ha scritto una cosa del genere e l’ha fatta franca. Il giornalista ricorda, per esempio, il clamoroso successo di  Lolita (1958), un libro che ha raccontato in maniera inaspettata il tema della pedofilia. Ma anche i giorni nostri, hanno rotto qualche tabù: un titolo su tutti, ’50 sfumature di grigio’. E chi se lo aspettava che si potesse tranquillamente parlare in questo modo di una sfera cosi intima del piacere femminile?

IL FLOP DI HARRY POTTER – Un libro dell’estate deve essere per forza un bestseller? Probabilmente no, ma il giudizio va lasciato a voi lettori. Ad ogni estate il suo libro, e ad ogni lettore le sue pagine…famose o no. E poi, come ricorda Lev Grossman nel suo articolo, c’è l’eccezione che conferma la regola: Harry Potter e i Doni della Morte è uscito nel luglio 2007 e ha avuto un record di vendite, ma non è stato il libro dell’estate..

Ciò che rende davvero un libro dell’estate è quando ci sorprende. Non si tratta solo di essere affascinato da un libro. Si tratta di essere affascinato dal fatto che siamo affascinati. E allora vi chiediamo, questa estate, da cosa vi farete affascinare?

 

16 luglio 2014

Lucrezia Alparone

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti