LIBRI - Intervista al co-editore Marcos y Marcos

Come promuovere la lettura in Italia. Ce lo spiega Claudia Tarolo, co-editore Marcos y Marcos

'Non c'è un unico modo per avvicnare i piccoli alla lettura; l'importante è che il libro sia un elemento costante della vita, che i libri siano sempre a disposizione, che siano di tanti tipi; prima o poi ciascuno trova quello che ha le risposte, le emozioni giuste per lui.'' Parola di Claudia Tarolo...

MILANO – ”Non c’è un unico modo per avvicnare i piccoli alla lettura; l’importante è che il libro sia un elemento costante della vita, che i libri siano sempre a disposizione, che siano di tanti tipi; prima o poi ciascuno trova quello che ha le risposte, le emozioni giuste per lui.” Parola di Claudia Tarolo, co- editore Marcos y Marcos e co-fondatore dell’associazione Letteratura rinnovabile. In questa intervista, Caludia Tarolo ci illustra le novità editorial ie gli autori di punta della sua casa editrice e ci segnala le iniziative parallele messe i natto per promuovere la lettura.

Quali sono gli autori emergenti e le novità più interessanti che quest’anno proporrete in libreria?
Siamo partiti con un nuovo autore turco, Hakan Gunday: il suo A con Zeta, romanzo dolcemente dark su libertà e barriere del mondo contemporaneo, si fa amare, al punto che a meno di due mesi dall’uscita lo stiamo ristampando.
Tu non tacere, l’ultimo romanzo di Fulvio Ervas, racconta una relazione delicata, tra noi, la salute, il nostro corpo, la fiducia nei medici. È un romanzo che Fulvio ha particolarmente sofferto e amata, e che ha avuto incroci improvvisi e misteriosi con la sua vita privata.
Da pochi giorni è uscita una nuova avventura di Alvise Pavari Dal Canal, ambientata in Sicilia. La carta della regina di Giorgio Caponetti ci porta nell’Isola del sole e indietro nel tempo.
Il romanzo appena chiuso in redazione, I miei piccoli dispiaceri, di Miriam Toews, ci ha rubato il cuore, e donato grandi cariche di vita.
Un altro autore nuovo è italiano. Viene anche lui dalla Sicilia e in Sicilia ha ambientato una fantastica cover letteraria di Bastardi senza gloria di Tarantino, mettendo i mafiosi al posto dei nazisti, e dando loro fuoco in un cinema di Siracusa.
Poi aspettiamo il nuovo libro dedicato alle libraie coraggiose, La piccola Battaglia portatile con le avventure di viaggio di Paolo Nori con sua figlia, il primo libro di mostri di Cristiano Cavina e l’ultimo grande thriller di Lisa Gardner.
 

Digitale e piattaforme social: secondo voi sono un’opportunità o più un rischio per la qualità?
Un’opportunità, senza alcun dubbio. Sono nuovi strumenti che offrono nuove prospettive, spostamenti, punti di vista impensati. A condizione di saperli davvero sfruttare per quello che aprono, e non subirne solo i possibili effetti dispersivi. E senza mai dimenticare che la libreria è il centro e il fulcro del nostro mondo, e niente che abbia davvero valore sopravvive lontano da quelle mura solide, concrete e ospitali.

Oltre l’attività editoriale, quali sono le iniziative che quest’anno porterete avanti?
Due grandi iniziative sono alle porte.
Il Giro d’Italia in 80 librerie, seconda fase, costa orientale. Da giugno a luglio, dal Friuli alla Puglia, una staffetta ciclistica per celebrare il filo ideale che lega le librerie disseminate per lo stivale. Una squadra di undici autori classici più vitali che mai, autori in carne e ossa e incontri memorabili nelle piazze, letture, giochi letterari; librai, editori e scrittori si avvicenderanno ai pedali e ai microfoni per fare della lettura un piacere personale che si può anche condividere.
Il 20 giugno la nuova edizione di Letti di notte, la festa che accende la notte e aspetta l’estate in libreria.

In che modo è possibile avvicinare i più piccoli alla lettura, i potenziali lettori forti di domani?
È un tema che ci preme molto, e infatti da quest’anno Marcos y Marcos apre ai lettori più giovani. L’atto inaugurale spetta a Cristiano Cavina e i suoi QuasiMostri. Incontrando i ragazzini delle scuole medie e superiori è commovente vedere quanto siano aperti, e addirittura affamati di storie, se solo hanno l’occasione di trovare quelle giuste per loro. Scoprire da piccoli che i libri sono una risorsa infinita di piacere, consolazione e divertimento è un modo per diventare ricchi davvero. Funziona l’esempio, funziona il caso, funziona la meraviglia del testo fatto risuonare ad alta voce.
Non c’è un unico modo, i modi sono tanti; l’importante è che il libro sia un elemento costante della vita, che i libri siano sempre a disposizione, che siano di tanti tipi; prima o poi ciascuno trova quello che ha le risposte, le emozioni giuste per lui.
Leggere, correre, cantare, suonare uno strumento musicale; in combinazioni variabili, secondo le possibilità e l’indole di ciascuno, non sono queste le cose che aiutano a crescere più forti e felici?
A noi adulti il compito di moltiplicare e migliorare costantemente le occasioni.
Quest’anno, per esempio, la nostra nuova iniziativa per i ragazzi è BookSound: un laboratorio-concorso di lettura ad alta voce realizzato in collaborazione con LaAV e la libreria Leggere.
Abbiamo selezionato 18 libri del nostro catalogo che ci sembrano particolarmente adatti per gli studenti, e tra di essi gli insegnanti scelgono uno o più titoli.
Dopo una prima fase di ‘allenamento’ con lettori esperti, le classi si trasformano in cassa di risonanza della parola scritta, e inventano il loro modo di trasmettere la passione per il testo.
Le classi che aderiscono possono partecipare anche al concorso, inviando brevi video legati alla loro esperienza; le classi che avranno realizzato i video più apprezzati saranno premiate… in libri.
A pochi giorni dal varo, la proposta ha già raccolto numerose adesioni: da Crotone a Milano, da Città di Castello a Torino, saranno decine le scuole che si cimenteranno. Tra i libri più scelti, Inutile Tentare Imprigionare Sogni di Cristiano Cavina, e In fuga con la zia di Miriam Toews.
Non vediamo l’ora di “ascoltare” i ragazzi in azione.

27 marzo 2015
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti