Luoghi letterari

Café Pushkin, il romantico locale nato dai versi di una canzone

A Mosca si trova un locale dall'atmosfera sognante che prende il nome di un grande poeta russo ed è nato grazie ai versi della canzone di un artista francese, un luogo di pura magia
Café Pushkin, dalla penna di un artista francese alla capitale russa

 

MILANO – Cosa rende il Café Pushkin così speciale? Più di 50 anni fa Gilbert Bécaund, uno dei cantautori francesi più conosciuti di tutti i tempi, all’epoca si esibiva a Mosca e, quando Bécaud tornò a Parigi, scrisse la canzone “Natalie” dedicandone una strofa ad un locale della capitale russa chiamato appunto “Café Pushkin”.

LA CANZONE – Un verso della canzone “Natalie” recita così:”We are walking around Moscow, visiting Red Square, and you are telling me learned things about Lenin and Revolution, but I’m thinking, “I wish we were at Café Pushki, looking at the snow outside the windows. We’d drink hot chocolate, and talk about something completely different…” (Stiamo camminando in giro per Mosca, siamo nella Pizza Rossa e tu mi stai parlando le cose che avevi imparato su Lenin e sulla Rivoluzione, ma io penso:”Vorrei che fossimo al Café Pushki a guardare la neve che scende fuori dalla finestra. Berremmo cioccolata calda parlando di qualcosa di completamente diverso…”).  La canzone divenne incredibilmente famosa in Francia e proprio per questo il ristoratore-artista Andrei Dellos decise di progettare il Café Pushkin, un luogo che, dalla penna di Gilbert Bécaund era entrato nei cuore dei francesi.

PUSHKIN – Aleksandr Sergeevič Puškin è considerato uno dei più grandi poeti della letteratura russa. Quando boulevard Tverskoy aprì nel 1796, divenne uno dei più importanti luoghi di ritrovo degli esponenti dell’alta società di Mosca. Pushkin era solito frequentare questa zona della città e, proprio in una chiesa di questa bellissima via, il poeta sposò Natalya Goncharova.

IL CAFE – Il Café Pushkin aprì il 4 giugno 1999 e si trova all’interno di un edificio barocco in boulevard Tverskoy. Durante la sua grande apertura, il locale ospitò lo stesso Bècaud che canto la sua canzone, diventata ormai famosa in tutto il mondo,”Natalie”.  Il locale permette ai suoi visitatori di immergersi in un’atmosfera romantica e sognante dove non mancano oggetti dallo stile retro e scaffali pieni zeppi di libri. Il luogo ideale per farsi trasportare nel passato ed osservare la neve che cade fuori dalla finestra, proprio come nella canzone di Gilbert Bécaund.

Photo credit: cafe-pushkin.ru/en/

© Riproduzione Riservata
Commenti