Sei qui: Home » Libri » Librerie » Bibliotech, la prima biblioteca senza libri

Bibliotech, la prima biblioteca senza libri

Fornire i tradizionali servizi di una biblioteca pubblica, a basso costo e in stile digitale. E' l'idea alla base di Bibliotech, la prima biblioteca pubblica senza libri, che verrà inaugurata in autunno a San Antonio in Texas...

Verrà inaugurata in autunno a San Antonio in Texas la biblioteca digitale che potrà contare su 10mila titoli e 100 e-reader

MILANO – Fornire i tradizionali servizi di una biblioteca pubblica, a basso costo e in stile digitale. E’ l’idea alla base di Bibliotech, la prima biblioteca pubblica senza libri, che verrà inaugurata in autunno a San Antonio in Texas. L’iniziativa rientra all’interno di un progetto che prevede l’apertura di un intero sistema di biblioteche simili nella contea di Bexar.

BIBLIOTECA DIGITALE – Al suo debutto, Bibliotech potrà contare su 10mila titoli e 100 e-reader. I lettori potranno portarsi a casa in prestito il lettore digitale, contenente l’ebook scaricato, e tenerselo per un periodo di due settimane. Il progetto, costato ben 1,5 milioni di dollari, prevederà l’introduzione di  50 e-reader destinati ai più piccoli, 50 computer fissi, 25 portatili e 25 tablet. "Se ci si vuole fare un’idea di ciò che sarà la biblioteca – afferma Nelson Wolff, giudice della contea di Bexar – basta recarsi in un negozio Apple". Con l’unica differenza che i negozi Apple non offrono servizio bar, al contrario del Bibliotech.


CAMBIA LA FORMA, NON IL CONTENUTO
– Tutto pronto, quindi, per la prima biblioteca digitale, senza libri e scaffali. Non è un caso che l’iniziativa nasca in America, dove la diffusione degli ebook e più in generare del mercato digitale da anni è abbastanza forte. Cambia la sostanza, rimane il contenuto, ma sicuramente i più tradizionalisti resteranno sempre e comunque affezionati all’atmosfera tipica delle biblioteche classiche, con lunghi e profondi scaffali, magari anche impolverati, e dall’esperienza sensoriale e unica del libro di carta, con i suoi odori e la sua materialità.

 

5 marzo 2013

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Alessandro Franceschini , ”La società di oggi ha perso il significato della parola amore”

I sette accorgimenti per diventare lettori forti

Successivo

Lascia un commento