BiblioPride, le biblioteche d’Italia scendono in piazza per rivendicare il proprio ruolo culturale

Al fianco dei bibliotecari, in una giornata ricca di appuntamenti tra dibattiti, visite guidate a biblioteche di pregio, letture per bambini e festa in piazza. Questa è BiblioPride, la Giornata nazionale delle biblioteche che si terrà il prossimo 13 ottobre a Napoli, organizzata dall’AIB Associazione Italiana Biblioteche...

Sabato 13 ottobre la città di Napoli ospiterà la prima edizione della Giornata nazionale delle biblioteche, organizzata dall’AIB Associazione Italiana Biblioteche

MILANO – Al fianco dei bibliotecari, in una giornata ricca di appuntamenti tra dibattiti, visite guidate a biblioteche di pregio, letture per bambini e festa in piazza. Questa è BiblioPride, la Giornata nazionale delle biblioteche che si terrà il prossimo 13 ottobre a Napoli, organizzata dall’AIB Associazione Italiana Biblioteche, con il sostegno del Centro per il libro e la lettura, del Comune di Napoli e la collaborazione della Regione Campania. Porteranno la loro testimonianza alcuni dei più importanti nomi della cultura italiana tra cui Andrea Camilleri, Michela Murgia, Loredana Lipperini, Marcello Fois e molti altri ancora.

RISCOPRIRE LE BIBLIOTECHE – Lo scopo della manifestazione è ricordare ai cittadini l’importanza del sistema bibliotecario nazionale per la crescita culturale, economica e sociale del nostro Paese. “Vogliamo dare l’occasione a tutti gli italiani, lettori e non lettori, frequentatori di biblioteche e non, di scoprire la ricchezza delle nostre biblioteche. La giornata vuole anche essere un’affermazione d’orgoglio per tutti i bibliotecari, professionisti che amano il loro lavoro e chiedono maggiore attenzione da parte delle istituzioni” – precisa Stefano Parise, presidente nazionale AIB, la principale associazione professionale italiana attiva nel settore delle biblioteche. Dal 1930 l’AIB promuove lo sviluppo delle biblioteche come servizio fondamentale per il cittadino nella società dell’informazione, la diffusione e il coordinamento dei servizi bibliotecari a livello locale e nazionale, la promozione della lettura e dell’accesso al mondo della cultura. Si fonda sull’impegno volontario degli associati, persone ed enti, che sono circa 3500 a livello nazionale. La scelta del capoluogo campano non è casuale: Napoli è stata teatro del caso emblematico a livello nazionale della Biblioteca dei Girolamini, balzata agli onori della cronaca negli scorsi mesi e tuttora sotto sequestro giudiziario. Ma è anche un territorio in cui ci sono biblioteche d’eccellenza, dove c’è impegno e attenzione sia a livello economico sia istituzionale.

INFRASTRUTTURE DELLA CONOSCENZA – Per ricordare che le biblioteche costituiscono un’infrastruttura della conoscenza indispensabile, in grado di raccogliere, organizzare, tutelare e rendere disponibili i prodotti della creatività e dell’ingegno in luoghi aperti, gratuiti e alla portata di tutti, la giornata napoletana del 13 ottobre prevede un intenso calendario di appuntamenti sviluppato in quattro momenti distinti: si parte la mattina, presso la Basilica di San Giovanni Maggiore, con il seminario “Fatti, non promesse. Un’agenda per le biblioteche italiane”, un incontro-dibattito sulla situazione delle biblioteche e sulle proposte per il futuro. Sempre in mattinata, sarà possibile visitare le biblioteche napoletane di pregio storico, per scoprirne i tesori nascosti, apprezzarne il patrimonio inestimabile di libri e per conoscere i palazzi storici in cui sono ospitate. Tra le biblioteche visitabili: Biblioteca Nazionale "Vittorio Emanuele III", Biblioteca di Castel Capuano "Alfredo De Marsico", Accademia di Belle Arti, Archivio di Stato, Conservatorio di Musica San Pietro a Majella, Mediateca Santa Sofia. Nel pomeriggio, presso il  Palazzo Arti Napoli ci saranno le “Letture animate per bambini” nel nuovo Punto Lettura “Nati per leggere”, mentre di sera, presso la Basilica di San Giovanni Maggiore, si tiene Bibliofest, la festa finale aperta alla cittadinanza, che si aprirà con un videomessaggio di Andrea Camilleri e vedrà la presenza “fisica” o in video di scrittori e testimonial famosi che racconteranno la propria idea di biblioteca, l’esperienza come utenti, oppure regaleranno ai presenti una lettura.

ALTRE INIZIATIVE – In tutta Italia, dall’8 al 14 ottobre, si svolgeranno iniziative collegate al BiblioPride, tra cui letture animate per bambini, bookcrossing, visite guidate, aperitivi in biblioteca, presentazioni di libri, altri incontri. A tutti i partecipanti verrà distribuita una spilletta con il logo della manifestazione per segnalare la partecipazione di bibliotecari e cittadini. L’iniziativa parte da una constatazione: le biblioteche italiane sono la rampa di lancio di una nazione che intende puntare sullo sviluppo delle capacità e delle competenze, sul merito che si manifesta a partire dall’uguaglianza delle opportunità concesse a tutti: il 13 ottobre il BiblioPride lo ricorderà all’Italia intera, senza proteste e con il sorriso sulle labbra.

 

5 ottobre 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti