Biblioteche Metropolitane

Arrivano in America le Biblioteche Metropolitane, per incoraggiare i pendolari a leggere ”in movimento”

Da tre studenti della Miami Ad School nasce l’originale idea che permette di scegliere e scaricare libri direttamente all’interno dei treni della metropolitana

MILANO – Il digitale continua a offrire nuove opportunità per promuovere e diffondere la lettura. In un mondo che vede il moltiplicarsi delle potenzialità della rete, un’idea originale viene da tre studenti della Miami Ad School. Come riportato dal magazine americano “Bookriot”, si tratta di metropolitane all’interno delle quali è possibile scegliere e scaricare gratuitamente libri da leggere.

L’IDEA – L’articolo illustra uno dei grandi piaceri di spostarsi con i mezzi pubblici: poter leggere e vedere altre persone leggere. È piacevole e divertente spiare e scoprire cosa leggono, come leggono e chi sta leggendo cosa. Estremamente interessante quindi la possibilità di usare questo ambiente che favorisce la lettura per incoraggiare le persone a scegliere e leggere un libro. Tre studenti della Miami Ad School, – Max Pilwat, Keri Tan and Ferdi Rodriguez, – hanno concepito un’idea innovativa, realizzabile attraverso una moderna tecnologia, che permette alle persone di leggere le prime dieci pagine dei più diffusi libri di consumo mentre sono in metropolitana.

IL FUNZIONAMENTO – L’idea è brillantemente semplice. Cartelloni che raffigurano scaffali colmi dei libri più apprezzati e diffusi in libreria ricoprono le pareti, interne, dei treni. Di ogni libro è visibile il dorso, che riporta il titolo e un codice a barre, scansionabile. I passeggeri possono scannerizzare i codici a barre del volume che li interessa e ottenere gratuitamente un’anteprima delle 10 pagine iniziali del libro. Di seguito compare l’indicazione della più vicina biblioteca dove è possibile trovare il volume in questione.

NEAR FIELD COMMUNICATION – L’idea dei tre studenti sfrutterebbe la Near Field Communication, una tecnologia per smartphone e tablet in grado di stabilire una comunicazione radio, attraverso il contatto diretto dei dispositivi o che siano posti fino a qualche centimetro di distanza. Applicazioni attuali e future includono transazioni contactless, scambio di dati e la configurazione semplificata di modalità di comunicazioni più complesse come la tecnologia Wi-Fi.

© Riproduzione Riservata
Commenti