LIBRI - L'app che ci aiuta in libreria

Arriva TwoReads, il software che ti consiglia cosa leggere a seconda dei tuoi gusti

Il Digital publishing creative idea award 2014 è il prestigioso concorso, organizzato dalla Fiera del Libro di Francoforte con il Goethe Unibator, il Centro per l'imprenditorialità presso l'Università Goethe di Francoforte...

TwoReads è una giovane startup veneziana ideata da Adriano Guarnieri, classe 1985, web & graphic designer, che a Francoforte è arrivata alla fase finale della sezione ”Dall’idea all’Impresa” del Premio Marzotto

MILANO – Il Digital publishing creative idea award 2014 è il prestigioso concorso, organizzato dalla Fiera del Libro di Francoforte con il Goethe Unibator, il Centro per l’imprenditorialità presso l’Università Goethe di Francoforte e prevede come premio un periodo d’incubazione in Germania, per il miglior progetto imprenditoriale. E il vincitore di quest’anno è una start up tutta italiana, TwoReads.

IL PROGETTO – Sulla scia della teoria dei sei gradi di separazione (ma anche meno), TwoReads (che in inglese significa due letture), vuol dire che per ogni libro, ne esiste sempre un altro collegato. «TwoReads è un software che estrae ed organizza i riferimenti bibliografici tra i testi. Da queste connessioni siamo in grado di suggerire nuove letture a partire da un libro che si è appena letto, o da una serie di testi», afferma Adriano, il fondatore. Un motore di suggerimenti e link che funziona molto bene con la saggistica, perché lavora per aree semantiche: molto spesso infatti, lo stesso testo si trova citato in più bibliografie e ciò ci permette così di leggere libri sullo stesso argomento e/o di scoprirne di totalmente nuovi.

L’APP – Accanto al software, Adriano e il suo braccio destro Lorenzo Losa, hanno sviluppato anche un’app che funziona all’interno delle librerie e, connessa al catalogo del punto vendita, aiuta i clienti ad orientarsi all’interno del negozio ricevendo tutte quelle informazioni che siamo abituati a trovare online e che ci indirizzano verso l’acquisto finale: recensioni, suggerimenti, link ad altre opere dello stesso autore, ecc. E’ infatti provato che nelle librerie, soprattutto quelle di grandi dimensioni, molto spesso le persone entrano ma non acquistano nulla, per mancanza di informazioni che in questo caso, verrebbero sincronizzate e sarebbero immediatamente a nostra disposizione. Vi è inoltre la possibilità di crearsi una propria libreria e di confrontarla con quella degli altri utenti. Per ora però solo Il saggiatore e forse Marsilio sembrano interessati. E gli altri?

2 dicembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti