Sei qui: Home » Libri » Al via la sfida per il premio di lettura dantesca

Al via la sfida per il premio di lettura dantesca

Far sentire la voce di Dante attraverso i ragazzi e i nuovi media: è questo l'obiettivo del premio di lettura dantesca che Loescher Editore e l'Accademia della Crusca propongono per il secondo anno consecutivo, dopo il successo della scorsa edizione...

Il premio, promosso per il secondo anno conscutivo da Loescher Editore e dall’Accademia della Crusca, invita i ragazzi delle scuole secondarie a rileggere la ‘Divina Commedia’ attraverso i linguaggi dei nuovi media

MILANO – Far sentire la voce di Dante attraverso i ragazzi e i nuovi media: è questo l’obiettivo del premio di lettura dantesca che Loescher Editore e l’Accademia della Crusca propongono per il secondo anno consecutivo, dopo il successo della scorsa edizione.

UN PREMIO RIVOLTO ALLE SCUOLE – Il premio, rivolto alle scuole secondarie di primo e secondo grado, offre l’opportunità di esplorare le infinite possibilità di rilettura della Divina Commedia attraverso nuovi linguaggi artistici. Ogni partecipante (singolo studente, gruppo, classe o scuola) dovrà scegliere uno dei 100 canti dell’Opera, leggerlo o recitarlo, e quindi caricare il filmato sul sito www.loescher.it/dante entro il 30 marzo 2014. Tutti coloro che hanno preso parte all’edizione 2013 del premio potranno nuovamente presentarsi, iscrivendosi e scegliendo un Canto diverso dal precedente.

I LAVORI DEI RAGAZZI NELLA PASSATA EDIZIONE – Lo scorso anno, tra un girone infernale ambientato all’Ilva di Taranto, un Caronte che traghettava i dannati sulle rive del Nilo, Paolo e Francesca messi in scena dagli omini Playmobil e un Pier delle Vigne interpretato in danza, i ragazzi hanno scatenato la loro fantasia e la loro creatività. “Scuola digitale? Scuola delle competenze? Lo scorso anno, a far emergere la poderosa energia dei ragazzi delle scuole, a mostrare la loro capacità di lavorare per competenze – spiega Paola Sanini, responsabile del premio presso Loescher – è stato proprio Dante. La risposta dei ragazzi è andata oltre ogni nostra aspettativa e per questo motivo abbiamo pensato di riproporre il premio, con l’ambizioso obiettivo di far rileggere in chiave moderna agli alunni tutti e 100 i canti della Divina Commedia”.

LA TRIPLICE GIURIA – Ogni filmato sarà sottoposto a una triplice giuria, quella di Loescher, il Comitato scientifico dell’Accademia della Crusca e quella popolare: chiunque, collegandosi al sito, potrà esprimere la propria preferenza. Ai primi quattro classificati andrà un premio in denaro di 1000 euro da devolvere a una ONLUS, e la premiazione avrà luogo a maggio in occasione del XXVII Salone Internazionale del Libro di Torino.

L’ATTUALITA’ DELL’OPERA DI DANTE – “In tanto variare di tendenze culturali e di progetti educativi – afferma il professor Francesco Sabatini, Presidente onorario dell’Accademia della Crusca – l’attenzione per la figura e l’opera di Dante non subisce attenuazioni. Sembra che il potenziale del suo pensiero e della sua poesia si sprigioni nuovamente al contatto con gli eventi della contemporaneità. L’Accademia della Crusca tende sempre più lo sguardo alla ricorrenza del 2021 e affianca con convinzione l’azione dell’Editore che ha rilanciato in particolare l’esercizio diretto dei giovani sulla lingua del poema sacro”.

29 novembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Potrebbe interessarti anche:
Empatia e disciplina: l’insegnamento per Maria Montessori
Empatia e disciplina: l'insegnamento per Maria Montessori

Quali sono le caratteristiche di un insegnante per Maria Montessori? Empatia, disciplina, precisione sono alla base per costruire un rapporto costruttivo con gli studenti.

L’amore delle insegnanti per il loro lavoro che non viene raccontato
L'amore delle insegnanti per il loro lavoro che non viene raccontato

E' giusto condannare la maestra di Brescia per quanto fatto, ma è anche corretto sottolineare che ci sono tante insegnanti che fanno bene il loro lavoro. La testimonianza dello scrittore e libraio Carlo Picca

Umberto Galimberti, “Una persona non empatica non può fare il professore”
Umberto Galimberti, "Una persona non empatica non può fare il professore"

Così il filosofo Umberto Galimberti è intervenuto durante un forum sulla scuola. "Se una persona non è empatica e coinvolgente non può fare il professore. È qualcosa che non si può imparare”

5 buoni motivi per cui si dovrebbe studiare il latino a scuola
5 buoni motivi per cui si dovrebbe studiare il latino a scuola

L'8 aprile sono in programma diverse iniziative per celebrare l’attualità del latino in occasione della Seconda Giornata Mondiale della Lingua Latina. Ecco 5 buoni motivi per cui studiare il latino nelle scuole

Pi Greco Day, perché il 14 marzo è la Giornata della Matematica
Pi Greco Day, scuole italiane si sfidano in matematica con i test del Miur

La costante matematica più famosa al mondo viene celebrata oggi, 3/14 secondo il calendario anglosassone ed anniversario di nascita di Albert Einstein

Come spiegare agli alunni la guerra in Ucraina, i consigli di un insegnante
Come spiegare agli alunni la guerra in Ucraina, i consigli di un insegnante

Alessandra Pavan, docente di Scuola Superiore, racconta in che modo si sta affrontando il delicato tema della guerra in Ucraina a scuola

© Riproduzione Riservata