Al via i lavori per la nuova edizione di Bookcity Milano, ricca di novità

Dopo il successo di pubblico registrato con l'edizione zero ritorna, dal 21 al 24 novembre 2013 Bookcity Milano 2013. Città del libro e della lettura, manifestazione promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dal comitato promotore Bookcity...
Si è tenuto ieri il primo incontro generale di informazione con il comitato promotore di Bookcity, i rappresentanti del mondo editoriale, librario e delle biblioteche per condividere tempistiche e specificità della nuova edizione

MILANO – Dopo il successo di pubblico registrato con l’edizione zero ritorna, dal 21 al 24 novembre 2013 Bookcity Milano 2013. Città del libro e della lettura, manifestazione promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dal comitato promotore Bookcity composto da Fondazione Rizzoli Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri. Gli organizzatori si sono riuniti ieri pomeriggio presso la Sala Conferenze di Palazzo Reale per discutere insieme ai rappresentanti del mondo editoriale, librario e delle biblioteche su tempistiche e specificità della nuova edizione e programmare i nuovi contributi in termini di idee e progetti.

PROMOZIONE POPOLARE DELLA LETTURA – L’assessore alla cultura Stefano Boeri ha sottolineato l’impegno e la passione di tutti gli editori e gli addetti ai lavori che la scorsa edizione hanno preso parte all’evento e al pubblico, che ha risposto con entusiasmo, partecipando ai trecentocinquanta eventi promossi nelle sedi centrali e periferiche (Castello Sforzesco, palazzi storici, teatri, biblioteche di quartiere, librerie) e nei luoghi più inconsueti (metropolitana, pasticcerie, carceri). “Bookcity è un evento con una sua precisa identità, diverso dalla Fiera del Libro di Torino o da Festival letterari come quello di Mantova. L’edizione 2012 è stato un lavoro di promozione popolare della lettura, capace di coinvolgere alla lettura strati di popolazione che solitamente non vengono avvicinati a questo mondo. Credo che ciò sia l’aspetto fondamentale da conservare di questa esperienza, una grande manifestazione popolare.

LE NOVITA’ – L’edizione del 2013, dal 21 al 24 novembre, prevede quattro giornate di programmazione (una in più rispetto all’edizione zero); il cartellone si preannuncia ancora più ricco di eventi che hanno il libro e la lettura come imprescindibili segnavia. Maggiore sarà il numero delle sedi e più numerosi i poli tematici (uno in particolare dedicato ai bambini e alle famiglie con iniziative distribuite in tutta la città). I tempi di lavoro più ampi rispetto all’edizione trascorsa permetteranno a tutti i soggetti coinvolti una maggiore interazione, sia in termini di progettazione sia in termini di comunicazione, consentendo una scelta ragionata degli spazi più adatti per tipo di evento e di pubblico potenziale. Il Castello Sforzesco resterà ovviamente il centro pulsante di BookCity con incontri, reading, spettacoli e animazioni.

VIA DELLA LETTURA – Tra le novità è prevista una “Via della lettura”, che partendo proprio dal Castello si svilupperà come percorso dedicato alla lettura, lungo via Dante (Piccolo Teatro Paolo Grassi), il Cordusio, la Loggia dei Mercanti, Piazza Duomo, la Ca’ Granda, la Sormani, il Tribunale per arrivare fino alla Rotonda della Besana. Maggiore attenzione sarà dedicata alle librerie e alle biblioteche, mentre per le scuole (a cui sarà riservato il primo giorno della manifestazione) è previsto un progetto di lungo periodo che, a partire da marzo 2013, contempli una serie di incontri e di laboratori sul tema della cittadinanza. BookCity 2013 chiamerà a raccolta i gruppi di lettura già attivi in città e susciterà la costituzione di nuovi nuclei, per diffondere l’idea positiva della “viralità della lettura”. Particolare attenzione verrà dedicata infine alla mappatura della filiera del libro a Milano, alla collaborazione con le comunità straniere, le scuole e le università, a progetti dedicati di scrittura e lettura nelle carceri.

7 febbraio 2013

© Riproduzione Riservata
Commenti