Sei qui: Home » Libri » Librerie » Al Salone del Mobile ecco Fin, la libreria del futuro che fa ”fluttuare” i libri sulle pareti
Salone Internazionale del Mobile

Al Salone del Mobile ecco Fin, la libreria del futuro che fa ”fluttuare” i libri sulle pareti

L'azienda d'arredamento B-LINE nasce con lo scopo di ridare lustro a oggetti intrinsecamente preziosi perché ingegnosamente semplici ed esteticamente interessanti...

Al Salone del Mobile 2014 di Milano i designer tedeschi Eva Paster e Michael Geldmacher ci hanno parlato di come nasce la loro libreria ”Fin” che fa volare i libri

MILANO – L’azienda d’arredamento B-LINE nasce con lo scopo di ridare lustro a oggetti purchè siano ingegnosamente semplici ed esteticamente interessanti. Dal 1999 la loro ambizione è di occuparsi di buon design e questo ha preso la forma di collaborazioni internazionali specializzate in arredamento per la casa, l’ufficio e il contract. Il team B-LINE e i designer lavorano insieme fino alla scelta dei materiali e degli aspetti tecnici, per dare vita a prodotti interamente made in Italy.
Al Salone del Mobile abbiamo intervistato i due designer tedeschi, Eva Paster e Michael Geldmacher che per B – LINE hanno prodotto la libreria Fin.

Ci può descrivere la vostra offerta di librerie per questa 53° edizione del Salone del Mobile?
Fin è una mensola da muro modulare in acciaio verniciato che ricorda la forma di una pinna di delfino e viene venduta in coppia con una sua gemella. Minima nell’ingombro visivo, affiora dal muro per fornire un appoggio ai libri e li trasforma in oggetti di arredamento, permettendo composizioni sempre nuove che vincono la gravità e fluttuano sulle pareti. Con Fin si sovverte la disposizione classica dei volumi proponendo un nuovo concetto modulare per le pareti dei bibliofili amanti del design. I libri vengono posizionati in orizzontale, volevamo riproporre il gesto abituale che si fa con il libro appoggiandolo  sul comodino.  

Secondo voi le librerie sono concepite ancora come un elemento d’arredo indispensabile per la casa?
Certo, anche se l’uso può cambiare, anche se non è solo ed esclusivamente utilizzata per riporre libri ma anche altri oggetti importanti per la persona, mantiene comunque un ruolo fondamentale nell’arredo della casa e come oggetto vivido di design artistico.

Come si evolveranno le librerie nel futuro?
Il libro non è solo qualcosa da leggere ma rappresenta la nostra personalità, i nostri interessi, mostra l’individualità della persona quindi come il libro non passerà mai di moda non tramonteranno mai neanche le librerie. Forse si svilupperanno ancora di più nel loro design, mantenendo sempre la funzionalità ma ponendo più attenzione a forme e colori particolari e accattivanti.

13 aprile 2014 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata