Al Premio Nobel Wole Soyinka il 14° Premio Internazionale di Poesia di Trieste

È un nome d’eccezione a vincere il XIV Premio Internazionale Trieste Poesia in questa speciale edizione del Festival Internazionale della Poesia di Trieste che festeggia i suoi 15 anni: trattasi di Wole Soyinka il poeta, drammaturgo, romanziere e saggista nigeriano, conosciuto per la sua opera quanto per il suo instancabile impegno civile, noto anche per essere stato il primo africano a ricevere il premio Nobel per la letteratura nel 1986...

La consegna del riconoscimento nel corso del Festival Internazionale della Poesia di Trieste, in programma dal 26 novembre al 2 dicembre

 

Trieste – È un nome d’eccezione a vincere il XIV Premio Internazionale Trieste Poesia in questa speciale edizione del Festival Internazionale della Poesia di Trieste che festeggia i suoi 15 anni: trattasi di Wole Soyinka il poeta, drammaturgo, romanziere e saggista nigeriano, conosciuto per la sua opera quanto per il suo instancabile impegno civile, noto anche per essere stato il primo africano a ricevere il premio Nobel per la letteratura nel 1986.

TRIESTE CROCEVIA LETTERARIO – La manifestazione, espressione di un progetto volto a rivalorizzare Trieste come crocevia letterario, organizzata dal Club Anthares, quest’anno si svolgerà dal 26 novembre al 2 dicembre 2012 nei Caffè (Caffè San Marco, Caffè Tommaseo, l’Acquedotto Caffè e il Knulp di Trieste) come nelle librerie (Lovat e Minerva) con numerosi ospiti provenienti da tutto il mondo: Austria, Belgio, Colombia, Estonia, Grecia, Italia, Nigeria, Olanda, Rep. Ceca, Rep. Dominicana, Romania, Serbia, Slovenia.

 

POESIA COME DIALOGO – Il Comitato Promotore del 14° Premio Internazionale Trieste Poesia, che annualmente premia un poeta di fama mondiale, ha deciso di assegnare per l’anno 2012 tale riconoscimento allo scrittore nigeriano Wole Soyinka.  La sua poesia, improntata al dialogo e ai valori di libertà e di pace, mette al di sopra di ogni cosa la dignità dell’uomo, sempre e ovunque. La sua opera, radicata tra presente e passato, è una fusione tra elementi della cultura e della realtà africana con quelli occidentali. Capace di svelarsi al lettore con grande chiarezza e sincerità, attraverso l’uso della parola e con grande e instancabile impegno civile, il poeta lotta e scrive rielaborando antichi elementi mitologici che riconquistano il loro spazio nella contemporaneità.

 

LO SPIRITO-BAMBINO – Ed è proprio uno dei protagonisti della tradizione yoruba ad intitolare l’antologia di Wole Soyinka presentata nei giorni del XV Festival Internazionale della Poesia Abiku e altre poesie (FrancoPuzzoEditore) richiama allo spirito-bambino centro della poetica dell’autore ma anche di buona parte della letteratura nigeriana. L’opera, a cura di Gaetano Longo, verrà presentata all’interno della collana poetica di FrancoPuzzoEditore, che dagli inizi del Festival custodisce i versi dei premiati. Nei giorni del festival Soyinka sarà premiato con un trofeo, una scultura ideata dall’artista triestina Samantha Sila che rappresenta l’Uomo a contatto con se stesso attraverso la poesia con incisi i versi di Rilke, Joyce, Kosovel e Saba, commemorando così le quattro grandi figure letterarie legate a Trieste.

GLI ALTRI PREMI – Ad essere premiati saranno anche Pietro Dini e Albert Làzaro-Tinaut per il 9° Premio Gerald Parks alla Traduzione. Insieme si sono dedicati alla traduzione di un libro del più importante poeta Estone Juri Talvet, "Primavera e polvere" (Edizioni Joker). Mentre il 9° Premio Anthares “Un poeta per la Pace” sarà consegnato a Gianmario Lucini per i temi che raccordano società e storia, come nel "Monologo del dittatore" (Edizioni CFR) dove la poesia prende di mira le forme dell’ingiustizia e nelle numerose antologie di poesia civile, fra le quali “L’impoetico mafioso. 105 poeti per la responsabilità sociale” con la nota di Rita Borsellino (Edizioni CFR). Organizza inoltre ogni anno i premi letterari dedicati a D.M. Turoldo, a F. Fortini e il premio "don Lorenzo Milani, poesia per la legalità".

 

8 novembre 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti