Sei qui: Home » Libri » Autori » Addio a Luigi Bernardi, scrittore ed editore

Addio a Luigi Bernardi, scrittore ed editore

Si è spento questa mattina, all'età di 60 anni, l'editore, scrittore, drammaturgo e saggista Luigi Bernardi...

Si è spento questa mattina all’età di 60 anni il grande scrittore ed editore, conosciuto soprattutto nel mondo della fumettistica

MILANO – Si è spento questa mattina, all’età di 60 anni, l’editore, scrittore, drammaturgo e saggista Luigi Bernardi. Ha creato alcune case editrici di fumetti  come L’Isola Trovata, Glénat Italia e Granata Press, e diretto riviste di settore  quali Orient Express, Lupo Alberto, Mangazine, Nova Express.


EDITORIA, TRA SAGGI E FUMETTI
– Nato l’ 11 gennaio 1953 ad Ozzano dell’Emilia, nel 1986 è diventato direttore responsabile della collana “i quaderni del fumetto italiano” opera creata insieme a Paolo Ferriani ed edita dalla “Paolo Ferriani Editore”, collana che svilupperà la storia dei più importanti personaggi del fumetto italiano, e che si confermerà come una tra le più importanti di tutto il settore editoriale e fumettistico italiano contemporaneo. All’inizio degli anni novanta, ha iniziato ad esplorare il noir italiano e internazionale.


LA CARRIERA DI SCRITTORE
–  Chiusa, nel 1996, Granata Press, la sua ultima casa editrice, si è preso una pausa di un paio di anni, nei quali ha scritto le sue prime opere di narrativa. A partire dal 1998 ha lavorato al progetto e alla direzione di due collane, Euronoir per Hobby & Work e Vox per DeriveApprodi, destinate a rivelare autori come Thierry Jonquet, Pascal Dessaint, Maurice G. Dantec, Giampaolo Simi, Paolo Nori, Marco Berisso, Emidio Clementi, Cinzia Zungolo e Piergiorgio Di Cara.


IL NOIR E LA LETTERATURA
– Nel 2000 è stato chiamato ad elaborare il progetto della serie Noir di Einaudi Stile Libero, che ha diretto fino ai primi mesi del 2005. Nel 2007 ha ideato il marchio editoriale Perdisa Pop, in merito al quale ha dichiarato: “Perdisa Pop, insieme a Granata Press, è stata la casa editrice che ho sentito più mia”. Nel 2011 ha lasciato il lavoro editoriale per dedicarsi esclusivamente alla scrittura. Il marchio Perdisa Pop è attualmente diretto dallo scrittore Antonio Paolacci. Dal 1999 al 2003 ha seguito quotidianamente le notizie di cronaca nera, anche quelle recuperabili soltanto nei fogli locali, e si è costruito una solida conoscenza del mondo del crimine, sia a livello di grandi organizzazioni, sia delle imprevedibili espressioni familiari. Ha realizzato laboratori di scrittura sia di base che avanzati.


16 ottobre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Siamo tutti accademici della Crusca

Clara Sanchez è la vincitrice del Premio Planeta 2013

Successivo

Lascia un commento