A Passaparola il futuro del libro, tra evoluzioni tecnologiche e nuovi supporti

DAL NOSTRO INVIATO A PASSAPAROLA - Qual è il futuro del libro, in una dimensione tecnologica in cui la capacità di generare evoluzione è di gran lunga più veloce rispetto alla diffusione dell'evoluzione stessa? Maurizio Falghera, Emiliano ''Effe'' Frutta, Gino Roncaglia e Danco Singer si sono confrontati sul tema...
Sabato 26 ottobre, a Passaparola, la IX edizione del forum del libro di Vicenza, si è discusso di tecnologia e evoluzione del libro, durante l’incontro dal titolo “Sul futuro del libro: la lettura tra web2.0 e mp3”

MILANO – Qual è il futuro del libro, in una dimensione tecnologica in cui la capacità di generare  evoluzione è di gran lunga più veloce rispetto alla diffusione dell’evoluzione stessa? Maurizio Falghera, Emiliano “Effe” Frutta, Gino Roncaglia e Danco Singer si sono confrontati sul tema durante l’appuntamento “Sul futuro del libro: la lettura tra web2.0 e mp3”, tenutosi sabato 26 ottobre presso lo spazio Informagiovani di Vicenza, sempre nell’ambito di ”Passaparola – Un mondo da leggere, in tutti i sensi”, la IX edizione del forum del libro, conclusasi ieri con un grande successo di pubblico.

L’EVOLUZIONE (TECNOLOGICA) DEL SAPERE – Dalla discussione scaturita all’incontro “Sul futuro del libro: la lettura tra web2.0 e mp3” è emerso come l’evoluzione della tecnologia, almeno sulla carta, non riesca sempre a trovare spazio per assumere un senso, soprattutto nel momento in cui non si è ancora certi se sia la tecnologia che si adatta al sapere o il sapere che si adatta alla tecnologia. Il caso dell’enciclopedia britannica (storica istituzione ora pubblicata solo in formato elettronico), dovrebbe far riflettere: proprio a tal proposito Danco Singer, presidente di Encyclomedia, racconta come questo progetto sia nato prima come idea per arrivare in un secondo momento alla concretizzazione; infatti solo dopo la catalogazione del materiale è arrivato lo sviluppo di un sistema di archiviazione che ha consentito il resto.

L’AUDIOLIBRO: UNA RISORSA PREZIOSA – Restando sempre in tema di tecnologie che portano ad uno sviluppo del modo di leggere, molto interessante il progetto di Maurizio Falghera, sociologo ed editore, che con la sua casa editrice “Il Narratore” sviluppa audiolibri in un angolo disperso della campagna vicentina. Inizialmente pensati per i non vedenti, studi di esperti neurofisiologi hanno dimostrato come la pratica della lettura associata all’ascolto migliori i livelli di attenzione fungendo da acceleratore dell’apprendimento linguistico ed emotivo che rende l’audiolibro una preziosa risorsa per la didattica. Falghera ha condotto un piccolo esperimento direttamente con i presenti in sala. Consegnata una pagina del Moby Dick, il compito era semplice. Leggerne prima il contenuto silenziosamente e autonomamente, poi leggere il testo ma ascoltando il sonoro recitato dall’attore  Alberto Baldini. Il risultato? Nella seconda opzione il coinvolgimento era sicuramente superiore.  

Martino Soriano
fotografie © Marco Zorzanello
29 ottobre 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti