I problemi dei booklovers agli appuntamenti galanti

10 problemi ”romantici” che solo chi è appassionato di libri può capire

Quante storie d’amore avete letto nei libri? E quante ne avete sognate? Sicuramente tantissime. Peccato che poi, bisogna ammetterlo, nella realtà non succede mai quello che abbiamo letto nel nostro romanzo preferito

MILANO – Forse avete smesso da un po’ di sognare il principe azzurro, però, ammettetelo, ancora non riuscite a rinunciare all’amore romantico. Quello vero che fa anche un po’ soffrire ma così bello, proprio come quegli amore che avete sempre incontrato nei libri. Peccato che, tra i libri e la realtà c’è una differenza abissale, e non date tutta la colpa a Jane Austen. Ma quali sono i problemi che solitamente incontrano gli appassionati lettori quando si approcciano ad un appuntamento romantico? Ce li spiega l’Huffington Post

.

1 – E’ davvero difficile poter incontrare nuove persone : vi è sempre capitato di leggere libri romantici in cui la protagonista, passeggiando per strada, all’improvviso incontra l’uomo dei suoi sogni. Sarebbe bellissimo, peccato che voi, per leggere queste storie meravigliose, non alzate mai gli occhi da libro. Sulla metro, sul treno, al parco…difficile così farsi un’idea se lì intorno c’è un uomo meraviglioso, no?

.

2 – Quando finalmente iniziate la conversazione con qualcuno: Ecco, questo è il momento in cui tutte le vostre aspettative vengono infrante. Già vi immaginavate a parlare di amore, passione, di scoprire fin da subito che avete tantissime cose in comune e invece….silenzi imbarazzanti, discorsi banali, gaffe….aiuto!

.

3 –   Stessa cosa per e-mail e sms: Ok diciamolo, oramai siamo più bravi a parlare attraverso dispositivi elettronici piuttosto che faccia a faccia con qualcuno. Ma anche qui, ci sono tantissimi libri che vi hanno insegnato come una lettera (be’ oggi è il caso di parlare di e-mail) possa essere uno strumento fondamentale per raccontare di tutti i vostri struggimenti amorosi. Peccato che le risposte che ricevete ai vostri lunghissimi testi siano monosillabici: “Ok”, “Ho capito”, “Va bene”.

.

4 – Analizzi ogni parola cercando un significato che non esiste: se qualcuno vi risponde “bene”, voi cominciate ad indagare sul significato di quel “bene”. Che cosa intendeva? Voleva farmi capire qualcosa? Respira, a volte bene vuole semplicemente dire bene.

.

5 – Il primo appuntamento a casa dell’altro: Che cosa? E dove sono le librerie colme di libri? Non legge, impossibile!!

.

6 – Galeotto fu il libro: ci sono delle volte che i libri legano due persone, altre volte invece rischiano di separarli. Non volete certo passare per l’amante dei libri un po’ snob, però se il vostro libro è “Orgoglio e Pregiudizio” e il suo invece è “Le avventure di Topolino”, con tutto il rispetto per Topolino, forse tra voi non c’è quell’alchimia che speravi.

.

7 – Ma può succedere il contrario: Per salutarti prima di portarti a casa, ti cita una frase scritta in un libro di Virginia Woolf. Ok, questo è amore!

.

8 – Il libro che hai regalato: Hai scoperto che il tuo partner non è proprio un appassionato lettore, ma hai deciso comunque di approfondire la conoscenza. Hai regalato il tuo libro preferito, per farti conoscere un po’ meglio, ma lui non l’ha mai letto: l’ha dimenticato. Sacrilegio! E’ come se avesse dimenticato il tuo compleanno. Come puoi stare insieme ad una persona che non sa i nomi dei tuoi personaggi preferiti?

.

9 – Libri in prestito: ma forse non è peggio se scopri all’improvviso che ha preso in prestito un tuo libro senza nemmeno chiedertelo? Davvero l’hai preso e te lo sei portato in giro? E dove l’hai portato?

.

10 – Voglio solo leggere: Cene, aperitivi, discoteca, pub, gite fuori porta. Sì, tutto questo è decisamente molto romantico ma a volta tutto quello che vuoi fare è rimanere a casa a leggere. Ricordati che i libri, però, non devono sovrastare sulla tua vita sociale. O forse sì?

.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti