Dopo il terremoto

Amatrice, ripartono le lezioni grazie alla nuova scuola provvisoria

Realizzata in tempi record una scuola provvisoria a Villa San Cipriano, Amatrice, per permettere ai giovani di tornare tra i banchi dopo il terremoto del 24 agosto.
Amatrice, ripartono le lezioni grazie alla nuova scuola provvisoria

MILANO –  La costruzione di una scuola provvisoria, per garantire ai giovani il diritto agli studi, rappresenta un primo importante passo verso la normalità. Come riportato dall’Ansala scuola è stata allestita in appena una settimana, grazie al prezioso intervento della protezione civile della Provincia autonoma di Trento.

LA STRUTTURA – La nuova scuola è sicura e molto colorata e ha al suo interno 12 aule. Ospiterà gli studenti della scuola dell’asilo, delle elementari, delle medie e del liceo scientifico di Amatrice e Accumuli per un totale di circa 170 alunni, dai 3 ai 18 anni, che domani mattina si presenteranno in classe al suono della prima campanella. Il precedente anno scolastico, svolto nella scuola di Capranica, oggi ridotta in macerie, contava 269 alunni, quindi si pensa che il numero di studenti della nuova scuola sia destinato ad aumentare perché molti genitori, che avevano inizialmente deciso di iscrivere i figli nelle scuole di Rieti, torneranno ad Amatrice per beneficiare della nuova struttura. Oggi, in occasione dell’inaugurazione del nuovo anno scolastico, hanno visitato l’edificio il ministero dell’Istruzione, Stefania Giannini, insieme al presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, e  ai sindaci di Amatrice e Accumoli. La campanella di domani alle otto non segnerà solo l’inizio delle lezioni, ma anche un momento di speranza per un ritorno alla normalità per le popolazioni terremotate.

Photo Credit: Ansa.it

 

© Riproduzione Riservata
Commenti