Maturità, per 7 esperti su 10 l’ansia da esame si supera leggendo libri extrascolastici

Favorisce la capacità di ragionare, permette di acquisire più vocaboli, sviluppa l’originalità ed una migliore capacità critica, consente di approcciare agli esami scritti in maniera più creativa. Secondo 7 esperti su 10 la lettura aiuta i giovani maturandi ad affrontare gli esami...

Domani cominciano gli esami di Stato, e abbiamo chiesto ad esperti, giornalisti, psicologi, professori ed addetti ai lavori quanto la lettura di libri extrascolastici possa favorire un migliore approccio allo studio per i giovani maturandi. Secondo la maggioranza avere una propensione alla lettura favorisce la memoria e permette di avere a disposizione un lessico più ricco

 

MILANO – Favorisce la capacità di ragionare, permette di acquisire più vocaboli, sviluppa l’originalità ed una migliore capacità critica, consente di approcciare agli esami scritti in maniera più creativa. Secondo 7 esperti su 10 la lettura aiuta i giovani maturandi ad affrontare gli esami. Oggi per affrontare al meglio la maturità, non basta aver passato ore e ore a studiare sui testi scolastici: professori e addetti ai lavori sono tutti d’accordo nell’affermare che aver sviluppato una spiccata propensione alla lettura aiuta in particolare ad affrontare le prove scritte (32%) e permette di essere più sicuri nell’affrontare la commissione e disinvolti durante l’esposizione orale (26%), e conferisce maggiore sicurezza (21%), stemperando in questo modo la famosa “ansia da esame”.

NON SOLO LIBRI SCOLASTICI – Saranno 491mila gli studenti che si apprestano ad affrontare gli esami di maturità 2013, e molti di loro sono alle prese con interi pomeriggi passati sui libri scolastici, con notti insonni a ripetere tutto il programma. Secondo oltre 7 esperti su 10 (74%) tra psicologi, giornalisti e professori di letteratura, basarsi solamente sullo studio di saggi e libri scolastici non è più sufficiente. “Sicuramente leggere libri al di fuori del mero programma scolastico rappresenta un aumento esponenziale delle proprie possibilità – afferma Federico Taddia, conduttore di Nautilus su Rai Scuola – Ciò vale in particolare per quanto riguarda la scelta dello scritto, che con il nuovo esame prevede varie possibilità di svolgimento. Penso sia al saggio breve che all’articolo.”
 
I VANTAGGI – Quali sono i vantaggi della lettura per i diplomandi italiani? Secondo gli esperti leggere aiuta ad acquisire più vocaboli (49%), sviluppa l’originalità e la creatività (35%) e permette di acquisire una migliore capacità critica (27%). Inoltre, secondo gli esperti leggere conferisce maggiore sicurezza (22%). “Risulta importante informarsi quotidianamente, leggendo libri e giornali, secondo le proprie passioni ed il tempo disponibile – afferma Daniele Grassucci, responsabile contenuti di Skuola.net – Questo tipo di abitudine aiuta poi i maturandi ad affrontare questo tipo di impegni con maggiore sicurezza e possibilità di successo.”

L’IMPORTANZA DELLA PREDISPOSIZIONE
– Per un esperto su 3, se si affrontano gli esami con una predisposizione già forte alla lettura, si hanno più chance di superare gli esami di maturità con successo. In particolare, una consolidata abitudine di lettura aiuta secondo gli esperti ad affrontare le prove scritte come l’articolo di giornale ed il saggio breve (32%), permette di essere più sicuri nell’affrontare la commissione e disinvolti durante l’esposizione orale (26%). Leggere libri extrascolastici è un’abitudine che, secondo 8 esperti su 10 (82%), occorrerebbe coltivare già in tenera età. “Un buon esame di maturità è qualcosa che va preparato nel tempo, non gli ultimi giorni – dichiara Giuseppe Lupo, docente universitario di Letteratura Contemporanea presso l’Università Cattolica di Milano. Consiglio agli studenti di leggere, leggere, leggere. Non andare a prelevare il loro immaginario nella rete. Internet è uno strumento importante, senza dubbio. Uno studente dovrebbe farsi una lettura di opere, vero serbatoio di conoscenze, e non basarsi soltanto su ciò che trova dentro la rete”.

NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI
– Come affrontare la fatidica notte prima degli esami? Per quasi 7 esperti su 10 (71%) passare la vigilia continuando a ripetere i programmi scolastici è inutile. Meglio, quindi, dedicarsi alla lettura del proprio libro preferito. Oltre un esperto su 3 (35%) consiglia la lettura di libri biografici. Come consiglio, al di là di tutti i saggi – afferma Federico Taddia – mi verrebbe da proporre il genere biografico, sia per i contenuti che può portare sia per il momento che ti appresti a vivere, un momento di passaggio, di distacco dalla scuola”. Ad un maturando, la notte prima degli esami consiglierei di leggere un libro autobiografico – afferma Daniele Grassucci – Uno su tutti “…Però, Zanardi da Castelmaggiore”. Un libro che ti insegna ad affrontare la vita con ottimismo. Spesso oggi si tende a demoralizzarsi, soprattutto di fronte ad impegni e difficoltà, mentre i giovani d’oggi non sanno la grande fortuna che hanno davanti a loro. Ecco che quindi un libro come questo aiuta ad affrontare la vita con ottimismo.

18 giugno 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti