Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » The Fabelmans, 10 curiosità sul nuovo film di Spielberg

The Fabelmans, 10 curiosità sul nuovo film di Spielberg

Esce giovedì 22 dicembre The Fabelmans, il nuovo film del celebre regista Steven Spielberg. Essendo un progetto così appassionato del regista, il modo in cui il film è nato è interessante quasi quanto il film stesso.

The Fabelmans è il nuovo film del celebre regista Steven Spielberg, in uscita giovedì 22 dicembre in Italia, che ha già ottenuto alcune buone recensioni. Nel corso degli anni ci sono stati molti film d’epoca che sono lettere d’amore al cinema, ma The Fabelmans è diverso, perché è semi-autobiografico; i personaggi sono tutti basati sulla famiglia di Spielberg e, naturalmente, su di lui.

The Fabelmans, cosa bisogna sapere sul nuovo film di Spielberg

Essendo un progetto così appassionato del regista, il modo in cui il film è nato è interessante quasi quanto il film stesso. Tra la sceneggiatura che è stata messa insieme con una rapidità impressionante, il fatto che sia rimasta in sospeso per decenni e l’ossessione di David Lynch per i Cheeto, c’è ancora più storia in The Fabelmans di quanto il pubblico sappia.

Un lavoro breve per lo sceneggiatore

Sebbene Spielberg sia accreditato come co-sceneggiatore, il regista ha lavorato con il suo collaboratore di lunga data, lo sceneggiatore Tony Kushner. The Fabelmans segna la loro quarta collaborazione dopo Munich, Lincoln e West Side Story dello scorso anno. Secondo Indie Wire, è stato il lavoro più facile della carriera di Kushner.

Lo sceneggiatore ha raccontato la sua giornata tipo mentre lavorava alla sceneggiatura, ed è stato essenzialmente un lavoro part-time. Kushner ha spiegato: “Scrivevamo tre giorni a settimana, quattro ore al giorno, e abbiamo terminato la sceneggiatura in due mesi: a parità di leghe, la più veloce che abbia mai terminato. È stato uno spasso. Mi è piaciuto molto”.

Spielberg ha avuto l’idea nel 1999

Sebbene il tempo di sviluppo di The Fabelmans sia stato relativamente breve e abbia avuto un’evoluzione sorprendentemente rapida da quando Spielberg e Kushner hanno messo la penna sulla carta, l’idea ronzava nella testa di Spielberg da molto più tempo. Secondo il New York Times, Spielberg aveva avuto l’idea già nel 1999.

Nell’intervista di 23 anni fa, Spielberg si preoccupava: “La mia grande paura è che a mia madre e mio padre non piaccia e che pensino che sia un insulto e non condividano il mio punto di vista amorevole ma critico su come è stato crescere con loro”. Probabilmente è stato meglio che Spielberg abbia aspettato a fare il film, perché in questo intervallo di 23 anni ci sono alcuni dei migliori film del regista e la sua eredità è cresciuta in modo esponenziale. Quindi un film che celebra la sua vita e la sua educazione ha un impatto molto più forte oggi di quanto ne avrebbe avuto nel 1999.

In origine si intitolava “I’ll Be Home” (Sarò a casa)

Si scopre che The Fabelmans era molto più di un’idea anche nel 1999 e che il progetto era già stato sviluppato. Tuttavia, era molto diverso dal risultato finale che è appena arrivato nelle sale. Secondo lo stesso articolo del NY Times, invece di The Fabelmans, il film si intitolava I’ll Be Home.

Sembra anche che sia stata completata una bozza della sceneggiatura, poiché Spielberg ha spiegato che il film è stato scritto da sua sorella, Anne Spielberg. La sorella ha anche collaborato alla stesura della classica commedia di Tom Hanks del 1988, Big, che era stravagante, sentimentale e infinitamente divertente, ed è esattamente ciò per cui anche I Fabelman è stato elogiato, quindi il film ha almeno mantenuto lo stesso tono del progetto degli anni Novanta.

I genitori di Spielberg lo stavano “assillando” per realizzare il film

Sebbene Spielberg temesse che i suoi genitori potessero pensare che il film fosse un insulto, la verità è che lo stavano “assillando” per realizzare il film. Secondo People, i genitori del regista volevano che realizzasse il film prima della loro morte.

Spielberg ha spiegato: “In realtà mi assillavano: “Quando racconterai la storia della nostra famiglia, Steve?”. E quindi era una cosa di cui erano molto entusiasti”. Entrambi i genitori di Spielberg, purtroppo, sono deceduti prima che il film fosse in fase di sviluppo, e questo potrebbe aver incoraggiato Spielberg a realizzarlo.

Spielberg ha ingaggiato Michelle Williams dopo aver visto Blue Valentine

Michelle Williams è una delle più grandi attrici in attività oggi. Ha recitato in tantissimi film amatissimi e ha avuto quattro nomination agli Oscar. Ma il motivo per cui Spielberg ha deciso di affidarle il ruolo di Mitzi Schildkraut-Fabelman, il personaggio basato sulla madre del regista, è stato il suo ruolo nel film Blue Valentine del 2010, emotivamente estenuante (via New York Times).

Blue Valentine si snoda tra due storie: da un lato parla di una coppia innamoratissima, dall’altro segue la stessa coppia anni dopo, con figli e del tutto infelice. Ci sono alcuni parallelismi tra il film del 2010 e Blue Valentine, in quanto entrambi parlano di divorzio e dell’effetto che questo avrà sui figli, e inoltre attraversano decenni. Ma soprattutto, l’interpretazione della Williams è così cruda e realistica che si è meritata il premio Oscar.

Paul Dano si sentiva intimidito nell’interpretare il padre di Spielberg

Oltre alla Williams, che interpreta un personaggio basato sulla madre di Spielberg, Paul Dano interpreta Burt Fabelman, basato sul padre di Spielberg, e un ruolo così importante comportava molta pressione. Secondo The Hollywood Reporter, Dano si è sentito intimidito nell’interpretare il personaggio semi-reale a cui il celebre regista guardava così tanto.

L’attore ha spiegato: “La posta in gioco era davvero alta… Stai incarnando una delle figure più importanti, influenti e complicate della vita di [Spielberg]. È stato incredibile vedere quanto questo fosse presente nel suo lavoro per tutto il tempo”. Tuttavia, Dano sembra godere dei nervi saldi, dato che la sua filmografia è piena di ruoli scoraggianti, come quello al fianco di Daniel Day-Lewis in There Will Be Blood, relativamente all’inizio della sua carriera. E di recente ha interpretato l’Enigmista in The Batman, che fa parte di un franchise che ha una fanbase così vasta e esigente. Ma alla fine ha dato il miglior ritratto dell’Enigmista.

Lynch ci ha messo tre settimane per accettare di recitare nel film

David Lynch è un regista unico, noto soprattutto per i suoi thriller surreali come Mulholland Drive, e a volte recita anche, per quanto raramente. Lynch torna a recitare in The Fablemans, dove interpreta l’iconico regista John Ford, ma non senza una certa dose di convinzione.

Secondo The Playlist, non solo Spielberg ha impiegato tre settimane per convincere l’elusivo cineasta a firmare, ma si è avvalso dell’aiuto di un’amica comune, Laura Dern, che lo ha chiamato innumerevoli volte per convincerlo ad accettare il ruolo. Ma la cosa più interessante è che Lynch accettò di farlo solo a patto che i Cheetos fossero sempre disponibili sul set, una richiesta piccola ma strana.

Sammy è stato il ruolo più difficile da interpretare

Gabriel LaBelle interpreta Sammy nel nuovo film e il personaggio è basato su Spielberg quando era bambino, quindi non sorprende che il regista abbia pensato che fosse il ruolo più difficile da assegnare. Secondo Vulture, Spielberg ha fatto un provino a 2000 attori diversi per interpretare il personaggio.

Il regista ha spiegato la fatica che ha dovuto fare nel cercare l’attore perfetto, affermando: “Non cercavo quello che vedo allo specchio, ma un giovane attore che fosse in grado di portare avanti una storia curiosa e onesta, coinvolgente e imprevedibile”. LaBelle ha fatto esattamente questo e ha battuto altri 2000 attori, ma anche lui non ha avuto successo fino a quando non ha fatto un secondo provino tre mesi dopo.

Spielberg ha scelto la maggior parte delle musiche

La maggior parte dei film ha dei supervisori musicali e ci sono membri specifici della post-produzione del film che fanno la maggior parte delle scelte musicali. Tuttavia, per I Fabelman, a parte la colonna sonora di John Williams, Spielberg ha scelto da solo gran parte della musica classica presente nel film (via Indie Wire). Sebbene non si tratti di una cosa inaudita, e alcuni registi arrivano anche a comporre la colonna sonora dei propri film, il fatto che i registi abbiano una grossa responsabilità nella scelta della colonna sonora è una rarità.

Per quanto riguarda la musica del film, The Fabelmans si distingue anche per essere stata la penultima colonna sonora di John Williams prima del suo ritiro, il cui ultimo film è stato Indiana Jones 5. E segna la fine di un lungo rapporto di lavoro con Spielberg, visto che i due hanno lavorato insieme in 29 film.

Il set è stato molto emozionante

Dato che si tratta di un film così personale per Spielberg e semi-autobiografico, non sorprende che ci siano state molte emozioni sul set. Seth Rogen, che interpreta Benny Loewy, lo zio surrogato di Sammy, ha raccontato quanto sia stato emozionante e che trovava regolarmente Spielberg in lacrime durante le riprese (via People).

L’attore ha aggiunto: “Mi chiedevo: “È successo nella vita reale?” e la risposta era “sì” il cento per cento delle volte”. Il film lascerà senza dubbio il pubblico in lacrime, ma saranno soprattutto lacrime di gioia, ma questo non è diverso da qualsiasi altro film diretto da Spielberg.

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento