ARTE - La grande arte sul grande schermo

La Grande Arte al Cinema torna oggi nelle sale con ”La ragazza con l’orecchino di perla”

Dopo il grande successo della scorsa stagione, che ha portato decine di capolavori della storia dell’arte in più di 1.000 sale cinematografiche di tutto il mondo, continuano gli appuntamenti con La Grande Arte al Cinema...

MILANO – Dopo il grande successo della scorsa stagione, che ha portato decine di capolavori della storia dell’arte in più di 1.000 sale cinematografiche di tutto il mondo, continuano gli appuntamenti con La Grande Arte al Cinema. Un’inedita serie di eventi cinematografici organizzati dalla Fondazione Cineteca Italiana che, iniziati lo scorso ottobre, grazie alla tecnologia del cinema digitale faranno condividere ancora una volta in contemporanea mondiale tutta la ricchezza dell’arte e dei luoghi che ne sono custodi.Dopo la prima fase del 2014, la seconda inizia con oggi con La ragazza con l’orecchino di perla.

GLI APPUNTAMENTI – Gli appuntamenti sono iniziati lo scorso ottobre con la storia affascinante e misteriosa del Museo dell’Hermitage, che proprio nel 2014 celebrava il suo 250esimo anniversario, per poi proseguire il 4 novembre con gli stupefacenti Musei Vaticani in 3D ed il 9 dicembre con i “dipinti con le forbici” di Matisse; nel 2015 gli apputamenti riprendono oggi con La ragazza con l’orecchino di perla di Vermeer e proseguono con la grandiosa retrospettiva su Rembrandt il 10 febbraio e all’attesissimo appuntamento del 14 aprile dedicato a Vincent Van Gogh a 125 anni dalla sua morte. Chiude il 26 maggio la poesia dell’arte degli Impressionisti.

AL CINEMA ALLA SCOPERTA DEGLI ARTISTI – Questi tour cinematografici esclusivi, firmati dalle più importanti produzioni internazionali, guideranno la platea delle sale alla scoperta di artisti, dipinti e spazi museali d’eccezione in sette straordinari appuntamenti: sarà come essere in quei luoghi e di fronte a quelle opere come ospiti d’eccezione e con guide assolutamente fuori dal comune. Osservare quadri e sculture nel dettaglio, ascoltare il racconto degli organizzatori, entrare nelle segrete stanze e negli spazi in genere inaccessibili che hanno visto la mostra prendere forma: un’occasione unica per tutti gli appassionati d’arte, di viaggi e di cultura alla scoperta di storie che segnano il nostro modo di essere e di vivere.

 

LA RAGAZZA CON L’ORECCHINO DI PERLA – La seconda fase del 2015 inizia con oggi con La ragazza con l’orecchino di perla. Tracy Chevalier ne fece la protagonista del suo romanzo da milioni di copie vendute (dal quale fu tratto il film di Peter Webber con gli eccezionali Scarlett Johansson e Colin Firth). 350mila sono stati i visitatori che in tre mesi sono accorsi a incontrarla nel corso della mostra bolognese. La ragazza con l’orecchino di perla, l’opera di Jan Vermeer -che 150 anni fa era soprannominato la “Sfinge di Delft” perché ben poco si sapeva della sua vita e del suo lavoro- si offre oggi al pubblico in tutta la sua silenziosa e aggraziata bellezza. Concluso un tour di due anni nei più importanti musei del pianeta (dove ha incontrato oltre 1,2 milioni di spettatori da Tokyo a New York, da Atlanta a Bologna), la gemma del Nord torna al Museo Mauritshuis pronta a raccontare la sua storia.

13 gennaio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti