Crowdfunding per progetti culturali

Arriva BeCrowdy, la piattaforma di crowdfunding culturale

Cultura e denaro hanno sempre avuto un rapporto complicato e controverso. L’arte ha un valore inestimabile sul quale però si investono sempre meno fondi e risorse. Per cambiare le cose è nata BeCrowdy, la nuova piattaforma di crowdfunding reward-based...

L’obiettivo della piattaforma è quello di fornire a coloro che operano in ambito artistico la possibilità di reperire fondi per progetti che non hanno una sufficiente e immediata fattibilità economica

MILANO – Cultura e denaro hanno sempre avuto un rapporto complicato e controverso. L’arte ha un valore inestimabile sul quale però si investono sempre meno fondi e risorse. Per cambiare le cose è nata BeCrowdy, la nuova piattaforma di crowdfunding reward-based per progetti culturali e artistici che sarà online da aprile.

IL CROWDFUNDING – Ideato da un team interamente under 30, il progetto è stato tra i vincitori del bando ON/OFF per giovani idee imprenditoriali promosso dal Comune di Parma e finanziato da Fondazione Cariparma nel 2013. ll crowdfunding è il finanziamento ‘dal basso’, lo sforzo collettivo di singoli individui per sostenere economicamente progetti e idee, sfruttando la potenzialità del web. Nel modello reward-based, il pubblico partecipa in modo attivo al processo di creazione dei progetti presentati, finanziandoli e ricevendo in cambio delle “ricompense” ad hoc.

REPERIRE FONDI – L’obiettivo di BeCrowdy è quello di fornire a coloro che operano in ambito artistico la possibilità di reperire fondi per progetti che non hanno una sufficiente fattibilità economica. L’intento è creare un punto d’incontro tra artisti, promoter culturali e fruitori, diventando così il portale di riferimento per un’unica grande community desiderosa di sostenere la cultura in modo attivo e partecipato. Saranno presentati e promossi progetti ed eventi nei campi delle arti visive e performative, dell’editoria e della musica.

COME FUNZIONA – Il funzionamento è semplice: l’artista o il promoter apre una campagna dedicata al progetto che vuole realizzare sul sito  indicando la cifra di cui ha bisogno e i tempi che necessita per raccoglierla. Per incentivare le donazioni da parte della community, a fronte di ogni quota versata, crea delle “ricompense”, dei riconoscimenti, tangibili o simbolici, strettamente legati al progetto. Al termine della campagna, per la regola della trasparenza “All or Nothing”, il progettista riceve la somma raccolta solo se il traguardo economico prefissato viene raggiunto o superato.

I PROGETTI – I primi progetti a partire sul sito saranno la festa Viva L’Italia promossa dall’Associazione Nazionale Comuni Virtuosi, dal Circolo Arci Fuori Orario e da Il Fatto Quotidiano; la mostra Parma Dorme del fotografo Gianni Pezzani curata da Andrea Tinterri; il docufilm Trobàr – Viaggio alla ricerca della canzone dei cantautori Ugo Cattabiani e Rocco Rosignoli; il festival internazionale di musica indipendente Beatscape 4.0 dell’Associazione Amici del MARTE Mediateca Arte Eventi e il progetto di poesia d’assalto itinerante La Poesia Fa Strada dell’artista milanese Ivan Tresoldi.

19 aprile 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti