Sei qui: Home » Frasi » Honoré de Balzac, gli aforismi più celebri
Ricorrenze letterarie

Honoré de Balzac, gli aforismi più celebri

In occasione dell’anniversario di nascita di Honoré De Balzac, vi proponiamo le citazioni più conosciute del grande scrittore, poeta e drammaturgo francese

Oggi ricorre l’anniversario del grande scrittore francese Honoré de Balzac, nato a Tours il 20 maggio 1799 e morto a Parigi il 18 Agosto 1850. Per l’occasione abbiamo pensato di proporvi alcuni dei suoi più famosi aforismi. 

Gli aforismi più famosi di Balzac

“Una bella donna piace agli occhi, una buona piace al cuore; l’una è un gioiello, l’altra è un tesoro.”

“Siete brutti? Rendetevi terribili, nessuno penserà alla vostra bruttezza.”

“Il matrimonio è un combattimento ad oltranza, prima del quale gli sposi domandano al cielo la sua benedizione.”

“L’amore prova orrore per tutto ciò che non è amore.”

“La malattia del nostro tempo è la superiorità. Ci sono più santi che nicchie.”

“C’è tutta una vita in un’ora d’amore.”

“L’arte è natura concentrata.”

“L’abbigliamento è l’espressione della società.”

“Non è più la morbidezza del fiore, ma vi è del grano disseccato, pieno, fecondo, che rende sicura la stagione invernale.”

“Quando la legge è soddisfatta, la società non lo è, essa conserva le sue differenze, e fa di tutto per giustificarle a sé stessa; essa rende il forzato liberato un essere impossibile; essa deve rendergli tutti i suoi diritti, ma gli interdice di vivere in una certa zona.”

“La prerogativa di sentirsi a casa propria dappertutto è solo dei re, delle puttane e dei ladri.”

“Le leggi sono ragnatele che le mosche grosse sfondano, mentre le piccole ci restano impigliate.”

 

Honoré de Balzac

Balzac proveniva da una famiglia borghese abbastanza agiata. Le sue prime prove artistiche non furono molto apprezzate dalla critica, tanto che Balzac si diede ad altre attività: divenne editore, stampatore e infine comprò una fonderia di caratteri da stampa, ma tutte queste imprese si rivelarono fallimentari, indebitandolo pesantemente. A partire dal 1830 l’attività letteraria di Balzac divenne frenetica, tanto che in sedici anni scrisse circa novanta romanzi (sulla ‘Revue de Paris’, sulla ‘Revue des Deux Mondes’, ma anche in volumi e in tirature sempre più numerose, per non contare i continui racconti, aneddoti, caricature e articoli di critica letteraria). Oggi, Honoré De Balzac, è considerato uno dei massimi esponenti del romanzo realista.

© Riproduzione Riservata