FOTOGRAFIA - La storia del mondo negli scatti di Koudelka

”Vestiges”, la bellezza delle rovine greco-romane nelle immagini di Josef Koudelka

Il Forte di Bard presenta dal 7 dicembre 2014 al 3 maggio 2015, ''Josef Koudelka. Vestiges 1991-2014'', in Italia la prima esposizione assoluta del più imponente progetto fotografico di uno dei maestri mondiali della fotografia, Koudelka appunto...

”Vestiges” è un progetto fotografico di ampio respiro, un viaggio tra le macerie di civiltà che non ci sono più ma che continuano a diffondere il loro fasto e la loro bellezza anche ai giorni nostri. Dal Libano all’Algeria, passando per l’Italia, la Sicilia e perfino la Valle d’Aosta

MILANO – Il Forte di Bard presenta dal 7 dicembre 2014 al 3 maggio 2015, ”Josef Koudelka. Vestiges 1991-2014”, in Italia la prima esposizione assoluta del più imponente progetto fotografico di uno dei maestri mondiali della fotografia, Koudelka appunto. Entrato a far parte di Magnum Photo nel 1974, diventò amico di Henri Cartier-Bresson e Robert Delpire e l’anno successivo le sue foto vennero esposte in una mostra al MoMA di New York. Da questo momento in poi esporrà nelle maggiori istituzioni museali in Europa, fra cui la Hayward Gallery di Londra, lo Stedeliijk Museum di Amsterdam, il Palais de Tokyo a Parigi. Il suo lavoro sui siti archeologici greci e romani nel Mediterraneo comincia nel 1991. A Koudelka, sono dedicate importanti esposizioni, come la grande retrospettiva della sua opera ora conclusasi all’Art Institute di Chicago e la mostra in corso al Paul Getty Museum di Los Angeles che farà poi tappa alla Fondacion Mapfre di Madrid.

VESTIGES – Il progetto Vestiges, che vede impegnato da oltre vent’anni il grande fotografo membro dell’agenzia Magnum Photos, propone la sua interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura romana e greca, in un itinerario attraverso venti paesi, dalla Grecia al Libano, dalla Siria all’Algeria, dalla Turchia all’Italia e oltre duecento località che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Un’esplorazione davvero unica che non ha precedenti in luoghi simbolo come il Tempio di Delfi, i Templi di Zeus e Poseidone in Grecia, il Foro Romano e la Via Appia a Roma, il Tempio di Sibilla a Tivoli, il Tempio di Apollo in Turchia, le tombe di Petra in Giordania, le rovine di Sabratha, in Libia. In mostra al Forte di Bard, grazie alla collaborazione con Magnum Photos, oltre sessanta fotografie di cui 22 panoramiche di grandissime dimensioni e la proiezione di circa 350 scatti relativi ai set di Vestiges. Per quanto riguarda la Valle d’Aosta, Koudelka ha realizzato uno shooting site specific dal quale sono scaturite due nuove immagini legate alle vestigia romane presenti nella regione alpina: la prima realizzata lungo la Strada romana delle Gallie a Donnas, la seconda al Teatro Romano di Aosta.

29 novembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti