Appuntamenti internazionali

Tutto pronto per la 13° edizione del Festival Internazionale di Fotografia di Łódź, il più importante appuntamento della Polonia

Il Fotofestiwal di Łódź nasce nel 2001 come uno dei primi eventi fotografici in Polonia e da allora rappresenta un punto d'incontro per gli amanti del settore, con oltre 20.000 visitatori...

Łódź , la seconda città della Polonia, ospita ogni anno il FotoFestiwal, appuntamento di tutto rispetto nel panorama fotografico mondiale. Il tema su cui riflettere quest’anno è il Futuro, declinato attraverso le immagini di Maestri e fotografi emergenti 

MILANO – Il FotoFestiwal di Łódź nasce nel 2001 come uno dei primi eventi fotografici in Polonia e da allora rappresenta un punto d’incontro per gli amanti del settore, con oltre 20.000 visitatori. Nato dall’iniziativa di studenti e docenti di sociologia, gli aspetti umanistici e sociali delle opere esposte giocano da sempre un ruolo importante.
Attorno al tema centrale di ogni edizione, incontri con i massimi esperti ed esponenti del settore, tavole rotonde e workshop (come ad esempio quello guidato da Alex Webb della Magnum Photos Agency) affollano l’agenda del Festival, in programma dal 5 al 13 giugno. Il tema di questa edizione è il ”Futuro”, cioè come si può parlare del futuro per mezzo della fotografia? La fotografia è capace di creare visioni del futuro, o forse il suo scopo è quello di raccontare storie del passato e di lasciare una traccia del presente? C’è spazio per i fotografi visionari?

GLI OSPITI D’ONORE – Quest’anno, giunto alla sua 13° edizione, il Festival ospiterà Roger Ballen, il cui lavoro è stato precedentemente apprezzato al MoMa di New York così come al Centre Pompidou di Parigi e che tra l’altro presenterà in prima persona e la prima volta in Polonia le sue opere. Un’altra esclusiva è rappresentata dalle fotografie di Volker Hinz, i cui ritratti di personaggi dello star system e della politica del XX secolo (come Clint Eastwood , Madonna , Woody Allen , Pierre Cardin), sono stati ripresi dalle riviste più prestigiose. Hinz ha definito lo stile della rivista tedesca Stern per oltre 40 anni con le sue fotografie degli Stati Uniti e del Sud Africa e ora a FotoFestiwal presenta oltre 70 immagini, 4 delle quali finiranno all’asta.

Tra gli appuntamenti da non perdere, c’è anche la mostra di Brian Griffin, ‘DisCover Photography’, una sessantina di immagini che rappresentano una sorta di retrospettiva fotografica-musicale dal gusto punk. Griffin infatti è l’autore di molti ritratti di musicisti e autore di numerose copertine di dischi, tra cui quelle dei Depeche Mode, dei Placebo, dei REM, di Iggy Pop, Kate Bush o Peter Gabriel. Al Festival saranno inoltre presenti fotografi del calibro di Phillip Toledano, Vincent Fournier e Kobas Laksa.

IL GRAND PRIX – Ogni anno a partire dal 2008, il FotoFestiwal presenta i finalisti del concorso “Gran Prix” svelando il nome del vincitore il giorno di apertura della kermesse, il cui lavoro si distingue per la consapevolezza, il coraggio dell’idea e la tecnica fotografica. Uno degli elementi più distintivi del programma è anche la rassegna delle scuole di fotografia polacche, la Fabbrica di Fotografia: attraverso la mostra è possibile confrontare i risultati dei vari dipartimenti e scuole con uno sguardo alle avanguardie.

I dieci finalisti della 13° edizione sono: Kirill Golovchenko (1974, Ucraina), David Favrod (1982, Giappone), Robert Renhui Zhao (1983, Singapore), Elena Chernyshova (1981, Russia-Francia), Antoine Bruy (Francia), Marie Hudelot (1981, Francia), Marlous van der Sloot (1986, Paesi Bassi), Michel Le Belhomme (1973, Francia), Agnieszka Rayss (Polonia) e Adam Lach (1983, Polonia).

1 giugno 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti