Londra riscopre il Burroughs fotografo in occasione del centenario della nascita

William S. Burroughs (1914-1997) è stato un influente romanziere americano, saggista e artista, e un'icona cult. In concomitanza con il centenario della nascita di Burroughs (nato il 5 febbraio 1914), la Photographers’Gallery di Londra dedica una retrospettiva alla sua attività di fotografo...

Fino al 30 marzo 2014 alla Photographers’Gallery di Londra la prima grande retrospettiva fotografica dello scrittore William S. Burroughs

 

MILANO – William S. Burroughs (1914-1997) è stato un influente romanziere americano, saggista e artista, e un’icona cult. In concomitanza con il centenario della nascita di Burroughs (nato il 5 febbraio 1914), la Photographers’Gallery di Londra dedica una retrospettiva alla sua attività di fotografo. “Taking Shots” sarà la prima grande mostra in tutto il mondo a concentrarsi sulla sua fotografia, che offre nuove e importanti conoscenze del suo processo artistico e creativo.

 

LA MOSTRA – La mostra presenta oltre 100 opere di Burroughs, principalmente in bianco e nero, molte raramente o mai viste prima. Queste includono fotografie d’epoca, collage e assemblaggi. Inoltre è presente  “Towers Open Fire” (1963), un cortometraggio sperimentale di Antony Balch, che fu influenzato dalle teorie dell’immagine di Burroughs. Il titolo della mostra, “Taking Shots”, si riferisce non solo alla fotografia, ma anche alla ben nota dipendenza da eroina di Burroughs e alla sua ossessione per le armi da fuoco. Le fotografie esposte sono state scattate principalmente tra i primi anni ‘50 e gli anni ’70 in vari luoghi tra cui Londra, Parigi, New York e Tangeri. Le immagini di Burroughs possono essere liberamente organizzate in categorie, tra autoritratti, scene di strada, foto personali, interni domestici , assemblaggi , cantieri , e ritratti di colleghi scrittori, e gli artisti , come Jack Kerouac , Allen Ginsberg , e Brion Gysin; amici e amanti.

 

IL CARATTERE E LO STILE – Le sue fotografie sono state finora utilizzate principalmente per illustrare gli approcci critici al suo lavoro. “Taking Shots” le riposiziona come parte integrante di una comprensione di carattere storico e formale di un’opera più ampia di Burroughs. Burroughs ha utilizzato la fotografia in parte come strumento di ricerca, ma anche come mezzo di sperimentazione estetica. Trasformate a buon mercato e trattate come oggetti usa e getta, molte delle sue fotografie portano segni e graffi, e la maggior parte non sono titolate o datate. La natura frammentaria della sua opera fotografica riflette anche il suo stato d’animo e il suo stile di vite nomade.

 

I COLLAGE – Burroughs era affascinato dalla capacità della fotografia di interrompere il continuum spazio-temporale e di ampliare la percezione dello spettatore del mondo fisico. Utilizzando la tecnica del ‘cut-up’ – immagini tagliate da opere diverse, organizzate e mescolate per creare nuove connessioni e significati tra le stesse – Burroughs ha creato collage complessi. Per lui questi collage funzionavano come una forma di viaggio nel tempo, quelli in cui la fotocamera è stata usata per tagliare letteralmente pezzi dal “continuum”, per poi essere riposizionati e disseminati.

 

PRATICHE ESTETICHE – In un’intervista del 1976 con J. E. Rivers, Burroughs ha discusso sull’uso delle fotografie, dicendo: “[ … ] presto molta attenzione alle fotografie per via dei personaggi. Dirò, bene, quella foto ha qualcosa di simile a uno dei miei personaggi, e io costruirò un’immagine composita di ciò a cui il personaggio assomiglia”. La mostra prende in esame questi collegamenti e il ruolo della fotografia nelle pratiche estetiche più ampie di Burroughs.

 

CURATELA E CATALOGO – “Taking Shots” è curata da Patricia Allmer, docente in Storia dell’Arte presso l’Università di Edimburgo, e di John Sears , critico letterario indipendente. La mostra è accompagnata da un catalogo illustrato , “Taking Shots: The Photography of William S. Burroughs” co – pubblicato da The Photographers’Gallery e Prestel.

 

23 gennaio 2014

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti