FOTOGRAFIA - Mostra fotografica all'Unicredit Pavilion

Le foto di Carlo Orsi esposte all’Unicredit Pavilion

In occasione della presentazione del volume “Milano” che raccoglie le fotografie di Carlo Orsi, edito da Skira, all’Unicredit Pavilion si inaugura la mostra delle fotografie che compongono il libro che sarà visibile gratuitamente all’interno della “Passerella dell’Arte”.
Le foto di Carlo Orsi esposte all’Unicredit Pavilion

MILANO –  Carlo Orsi sfida il tempo e si propone di ripercorre la vita milanese con la stessa sensibilità dimostrata  nella prima edizione del suo volume fotografico del 1965, e oggi rafforzata dall’esperienza. Nel nuovo testo edito da Skira e presentato all’Unicredit Pavilion, il fotografo milanese racconta la sua città con un amore e una consapevolezza che possono appartenere solo a chi conosce davvero la materia che tratta. E Carlo Orsi conosce perfettamente sia Milano che l’arte della fotografia. Al via dunque da oggi la mostra “Milano” tratta dall’omonimo testo di fotografie. L’esposizione sarà aperta al pubblico gratuitamente per due week end , questo (5-6 settembre) e il prossimo (12 – 13 settembre).

PRESENTAZIONE DEL TESTO – Giovedì 3 settembre è stato presentato all’UniCredit Pavilion a Milano, in piazza Gae Aulenti 10, il libro fotografico “Milano” di Carlo Orsi edito da SKIRA. All’incontro sono intervenuto Carlo Orsi, Aldo Nove, il Presidente di Skira Massimo Vitta Zelman e l’Amministratore Delegato di Unicredit Federico Ghizzoni.

OGGI COME ALLORA – Dopo cinquant’anni Skira pubblica un nuovo straordinario libro con le immagini di oggi di Milano scattate da Orsi e un poetico testo di Aldo Nove, sempre impaginato da Iliprandi. Nel 1965 infatti Orsi, allora giovane fotografo, aveva scattato splendide foto di Milano ed era uscito un bellissimo libro con testi di Dino Buzzati, impaginato da Giancarlo Iliprandi.

1965. CINQUANT’ANNI FA – Queste le note al testo che specificano in maniera eloquente l’arte che sta dietro alle foto di Carlo Orsi nel 1965 : “Un giovane fotografo di talento, Carlo Orsi, ritrae Milano. Luci e ombre, miserie e nobiltà, confronti e contraddizioni. Frammenti di città, cui Dino Buzzati accosta altri frammenti, parole come scatti di un obiettivo fotografico. Ne nasce un libro, bellissimo. E oggi praticamente introvabile.”

2015. CINQUANT’ANNI DOPO – Aldo Nove continua, confrontando il lavoro di cinquant’anni fa del celebre fotografo con l’ultimo progetto nato dalla volontà di racchiudere in un unico testo altri meravigliosi e attuali scatti di Orsi: “Lo stesso grande fotografo, Carlo Orsi, torna a ritrarre la sua Milano. Luci e ombre, miserie e nobiltà, confronti e contraddizioni. Come allora. Con la stessa sensibilità di allora, e l’esperienza di una vita. Nuovi frammenti di città, e le parole, come scatti di un obiettivo, sono questa volta quelle di Aldo Nove. Nasce un nuovo libro, nell’identico formato e con l’identica confezione di quello di cinquant’anni fa. Anche il nuovo libro, naturalmente, si intitola semplicemente Milano. Ed è, ancora una volta, bellissimo, come quello di allora.”

CARLO ORSI – Carlo Orsi nasce a Milano l’8 Marzo 1941. Esordisce nel mondo della fotografia come assistente di Ugo Mulas imparando e condividendo con lui per oltre un anno e mezzo le magie della camera oscura. All’inizio degli anni ‘60 realizza reportage dall’Italia e dall’Estero per riviste come Panorama, Settimo Giorno, Il Mondo e Oggi. Sul finire di quegli anni inizia il suo rapporto con la moda collaborando con le più qualificate testate italiane ed estere. Pubblica diversi libri tra cui “Milano” nel 1965 con Giulia Pirelli e testi di Dino Buzzati e alcuni su Arnaldo Pomodoro di cui cura l’immagine dal 1984. Nel 1997 fonda con gli amici di sempre Guido Vergani, Emilio Tadini, Gianfranco Pardi e Giorgio Terruzzi la rivista “Città” per raccontare Milano soprattutto attraverso le immagini, l’obiettivo dei grandi fotografi. Nel 2004 inizia una collaborazione con associazioni di volontari in chirurgia plastica ricostruttiva di cui documenta le missioni: Tibet, Cina, Uganda, Bangladesh, Bolivia Birmania e Benin.

5 settembre 2015

© Riproduzione Riservata
Commenti