Sei qui: Home » Fotografia » ”L’arte rende visibile l’invisibile”, la lectio magistralis del fotografo Franco Fontana

”L’arte rende visibile l’invisibile”, la lectio magistralis del fotografo Franco Fontana

Domani il Salone d'Onore della Triennale di Milano ospiterà la lectio magistralis del fotografo Franco Fontana, che terrà un intervento sul tema ''L'arte rende visibile l'invisibile''...

Domani il Salone d’onore della Triennale di Milano ospiterà la lectio magistralis del fotografo Franco Fontana, presentata da Davide Mengacci

MILANO – Domani il Salone d’Onore della Triennale di Milano ospiterà la quinta lectio magistralis organizzata dalla AFIP – Associazione Fotografi Italiani Professionisti e CNA Professioni. Protagonista di questo appuntamento sarà il fotografo Franco Fontana, che terrà un intervento sul tema “L’arte rende visibile l’invisibile”.

L’INCONTRO – La conversazione sarà introdotta da Davide Mengacci, conduttore televisivo con uno spiccato interesse per la fotografia, passione che coltiva da molto tempo, e stimolata dagli interventi di Denis Curti, autore e curatore di mostre e rassegne fotografiche e di diversi libri sulla fotografia. Nel suo intervento Franco Fontana parlerà della sua esperienza creativa, ovvero quella di un fotografo sempre aperto a nuove esperienze e alla ricerca di nuove risposte. In tutta la sua carriera, Fontana ha interpretato il mondo che lo circonda, in maniera differente da quel quotidiano ripetitivo che si conosce, assumendosi le responsabilità dei risultati perché la fotografia creativa, come recita il titolo, non deve riprodurre il visibile ma renderlo visibile.

FRANCO FONTANA – Franco Fontana nasce a Modena il 9 dicembre 1933. Comincia a fotografare nel 1961, dedicandosi a un’attività amatoriale. La sua prima mostra personale è stata  a Modena nel 1968 e data da quell’anno una svolta sostanziale nella sua ricerca. Ha pubblicato oltre 40 libri con diverse edizioni italiane, giapponesi, francesi, tedesche, svizzere, americane e spagnole. Ha esposto in tutto il mondo in Gallerie e Musei con oltre 400 partecipazioni tra collettive e personali. Le sue opere sono in oltre 50 collezioni di Musei in tutto il mondo. Ha firmato anche molte campagne pubblicitarie, e collaborato con redazionali sui più importanti quotidiani nazionali. Tiene annualmente corsi al Politecnico di Torino e all’Università Luiss di Roma.

DENIS CURTI – Denis Curti è direttore artistico di Civita Tre Venezie e direttore artistico della Casa dei Tre Oci di Venezia. Vicepresidente della Fondazione Forma, dal 2010 è Direttore artistico del Festival di Fotografia di Capri e supervisor del Master post universitario di Fotografia realizzato in collaborazione con NABA e Fondazione FORMA. Dal 2009 è consulente della Fondazione di Venezia per la gestione del patrimonio fotografico. In passato ha ricoperto diversi incarichi come direttore artistico del Festival di Fotografia di Savignano sul Rubicone, della Biennale Internazionale di Fotografia di Torino. Per oltre 15 anni è stato giornalista e critico fotografico per le pagine di Vivimilano e Corriere della Sera. Esperto del mercato del collezionismo legato alla fotografia e negli anni  2002-2003 è stato curatore delle prime aste fotografiche di Sotheby’s a Milano. Dal 1995 al 2002 ha diretto la Fondazione Italiana per la Fotografia. Negli anni Novanta è stato direttore della scuola di Fotografia dell’Istituto Europeo di Design di Torino. È autore e curatore di mostre e rassegne fotografiche e di diversi libri sulla fotografia, fra questi, collezionare fotografia del 2010, per le edizioni Contrasto.

20 novembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Leopardi, Foscolo e Dante rivivono su Twitter

Moisés Naìm, ”Oggi il potere è diventato più facile da ottenere, più difficile da usare e più semplice da perdere”

Successivo

Lascia un commento