”I fotografi”, la storia dell’arte fotografica italiana raccontata in una mostra

I lavori di un nucleo di personalità eterogenee che hanno segnato la storia della fotografia italiana sono raccolti nella mostra ''I fotografi'', allestita fino al 1 marzo presso la Galleria M&D Arte di Gorgonzola. L'esposizione raccoglie l'opera dei maestri italiani che hanno fatto della fotografia una forma d'arte...
L’esposizione, dedicata ai mestri italiani della fotografia, è allestita fino al 1 marzo presso la Galleria M&D Arte di Gorgonzola

MILANO – I lavori di un nucleo di personalità eterogenee che hanno segnato la storia della fotografia italiana sono raccolti nella mostra “I fotografi”, allestita fino al 1 marzo presso la Galleria M&D Arte di Gorgonzola. L’esposizione raccoglie l’opera dei maestri italiani che hanno fatto della fotografia una forma d’arte, procedendo “per umori, amori e occasioni, deliberatamente contaminando foto ‘di ricerca’ con foto nate a fronte di una precisa destinazione”.

ESORDI E SVILUPPI DELLA FOTOGRAFIA ITALIANA – La mostra ripercorre gli esordi e gli sviluppi, nel nostro Paese, di questa autentica forma d’arte che è la fotografia. Diversi sono i soggetti degli scatti: vedute urbane o rurali, ritratti di artisti e personaggi famosi, immagini tratte da reportage sociali e sperimentazioni al limite dell’astratto. Tutti sono stati realizzati da grandi maestri della fotografia italiani. Si tratta sicuramente di artisti con poetiche e stili differenti, ma accomunati dal fatto di aver interpretato la fotografia come mezzo espressivo, di cui hanno cercato di esplorare le possibilità.

LA FOTOGRAFIA, AUTENTICA ESPRESSIONE D’ARTE – Tutti i protagonisti di questa mostra hanno visto nella fotografia non un mero strumento di riproduzione, ma un vero e proprio mezzo d’espressione artistica. Attraverso questa, hanno voluto narrare, in modo del tutto personale – senza retoriche o stereotipi – i valori, le mode, le trasformazioni, le vicissitudini e le storie del nostro Paese.

GLI ARTISTI – Tra gli scatti esposti, figurano per esempio le riproduzioni di opere d’arte e scorci cittadini dei Fratelli Alinari, grazie ai quali ha visto la luce un nutrito corpus di immagini che costituiscono ancora oggi la maggior fonte d’illustrazioni della grande editoria italiana. E ancora le fotografie di Gian Paolo Barbieri, che alle campagne etniche e alle nature morte ha affiancato le più grandi icone del cinema e della moda. Ma è ben nutrito il catalogo degli autori esposti, che comprende nomi del calibro di Gabriele Basilico, Mario Cresci, Gianni Berengo Gardin, Mario De Biasi, Mario Dondero, Franco Fontana, Giovanni Gastel, Luigi Ghirri, Mario Giacomelli, Mimmo Jodice, Nino Migliori, Ugo Mulas, Franco Pinna, Ferdinando Scianna, Enzo Sellerio e Massimo Vitali.

IL CATALOGO – Di seguito l’elenco degli altri artisti esposti: Claudio Abate, Aurelio Amendola,  Elisabetta Catalano, Carlo Cisventi, GianColombo, Luigi Erba,Angelo Frontoni, Giorgio Lotti, Federico Patellani, Franco Pinna, Pierluigi Praturlon, Francesco Radino,Tazio Secchiaroli, Pino Settanni ed Ettore Sottsass. L’esposizione è corredata da un catalogo con testo di Flaminio Gualdoni.

18 febbraio 2013

© Riproduzione Riservata
Commenti