Fotografia - La storia per immagini della fotografa Lisetta Carmi

”Ho fotografato per capire”, la vita di Lisetta Carmi raccontata per immagini

Ritornano alla Triennale di Milano gli incontri dedicati al mondo della fotografia, organizzati dall'AFIP International, con la presentazione del libro di Lisetta Carmi ''Ho fotografato per capire''. L'evento si svolge nella mattinata di domani presso il Teatro Agorà...

Domattina presso il Teatro Agorà della Triennale di Milano, la fotografa Lisetta Carmi presenta il suo ultimo libro ”Ho fotografato per capire” edito da Peliti Associati. All’incontro, organizzato dalla AFIP International – Associazione Fotografi Italiani Professionisti, interverranno Giovanna Chiti e Toni Thorimbert

MILANO – Ritornano alla Triennale di Milano gli incontri dedicati al mondo della fotografia, organizzati dall’AFIP International, con la presentazione del libro di Lisetta Carmi ”Ho fotografato per capire”. L’evento si svolge nella mattinata di domani presso il Teatro Agorà, al secondo piano della sede museale milanese, a fianco del Triennale Design Museum. Da Genova a Parigi, passando per la Puglia e l’India. Questi sono i principali viaggi compiuti da Lisetta nell’arco della sua vita di fotografa, che con coraggio e passione, ha raccontato parte della nostra storia. 

IL TESTO – Il volume, edito da Peliti Associati, raccoglie per la prima volta in maniera articolata ed esaustiva, tutto il lavoro di Lisetta Carmi: dalle prime fotografie del 1960, in occasione di un viaggio in Puglia, alle ultime realizzate in India nel 1979. Le immagini testimoniano il desiderio di vicinanza, comprensione e rispetto verso le persone, specie quando costrette in condizione di estremo disagio. Suddivisa in 17 sezioni, la raccolta presenta tutti i temi affrontati da Lisetta Carmi durante la sua ventennale carriera. Oltre al reportage di documentazione e denuncia sociale sulle terribili condizioni dei portuali di Genova e a quello dedicato ai travestiti del 1972, il libro presenta la serie del Cimitero Monumentale di Staglieno, quella dei ritratti del poeta Ezra Pound (1885 – 1972), la sequenza del parto ripresa nell’ospedale Galliera, lo straordinario ‘Quaderno musicale’ di Annalibera dedicato a un’opera di Luigi Dallapiccola e il libro d’artista sulla metropolitana di Parigi realizzato nel 1965.

LISETTA CARMI – Lisetta Carmi (genovese, classe 1924), si avvicina alla fotografia solo a partire dal 1960, lavorando come free-lance. Nel 1964 conduce con i portuali genovesi della FILP-CGIL, un’ incisiva inchiesta nel porto di Genova. L’anno successivo inizia a fotografare i travestiti, lavoro che porta avanti con passione per anni e che si conclude nel 1972 con un libro dall’omonimo titolo. Tra i molti reportage realizzati fra Asia, Europa e America, quello sul poeta Ezra Pound ottiene il prestigioso premio europeo Niepce. Lascia la fotografia negli anni ottanta ma le sue immagini hanno fatto la storia.

17 ottobre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti