”Existing in costume”, scatti d’altri tempi alla ricerca della vera identità

Inaugurerà domani, presso la mc2gallery a Milano la mostra di Chan-Hyo Bae ''Existing in Costume''. L'esposizione, curata da Claudio Composti, propone scatti che imitano le antiche monarchie inglesi...
Chan-Hyo Bae, fotografo coreano, ha realizzato alcuni scatti che reinterpretano le maggiori fiabe occidentali, ma che in realtà illustrano un più profondo lavoro sull’identità

MILANO – Inaugurerà domani, presso la mc2gallery a Milano la mostra di Chan-Hyo Bae “Existing in Costume”. L’esposizione, curata da Claudio Composti, propone scatti che imitano le antiche monarchie e che reinterpretano le più famose fiabe occidentali, il tutto calato in uno scenario più complesso di ricerca della propria vera identità. “Existing in costume” sarà visitabile sino al prossimo 26 ottobre.

EXISTING IN COSTUME – Chan-Hyo Bae, artista nato in Sud Corea, a Busan, nel 1975, nella serie “Existing in Costume”, si traveste con costumi d’epoca e fotografa se stesso come membro femminile di una aristocrazia del XIII/XIX secolo inglese di fantasia, o re-interpreta le favole più famose occidentali. I suoi autoritratti imitano le monarche inglesi e sono un lavoro sull’identità, il potere, la razza e la distinzione di classe. Chan-Hyo Bae vuole scardinare i pregiudizi della cultura occidentale verso le altre culture: fin da bambini siamo abituati, attraverso le fiabe, a individuare ruoli predefiniti, tra “vincitori” e vinti, buoni e cattivi, vinti e dominatori. Chan-Hyo Bae, attraverso il suo essere asiatico, crea un cortocircuito nel riconoscimento dei protagonisti a partire dalle fiabe più note come Cenerentola o La bella la e la bestia.
 
ALLA SCOPERTA DELLA PROPRIA IDENTITA’ INTERIORE
– “Il tentativo di diventare British è per me come un bambino che cerca di vestirsi come un adulto”, afferma l’autore. Chan-Hyo Bae cerca di diventare British proprio come un bambino finge di essere sua madre, di vestire i suoi abiti, usando i suoi cosmetici. Anche se i vestiti della madre non sono adatti per un bambino, lui cerca di esprimere la sua esistenza come un’altra persona. Una forte affermazione di identità, per chi da immigrato cerca una prova del proprio esistere nel mondo con il tentativo di essere accettato da una cultura che non gli appartiene. Un lavoro estetico e divertente che nasconde profondità e tematiche forti, sussurrate e nascoste dietro il trucco dei perfetti set che Chan-Hyo ricrea per i suoi scatti.

16 settembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti