Fotografia e critica - Il nuovo libro di Berger spiega come capirla

Come interpretare una fotografia, arriva il manuale per scoprirlo

Contrastobooks ha presentato pochissimi giorni fa il suo ultimo volume, ''Capire una fotografia'' a cura di Geoff Dyer con una selezione di testi di John Berger, figura poliedrica della scena culturale internazionale...

”Capire una fotografia”, pubblicato da Contrasto nella collana In Parole, presenta una raccolta di testi sulla fotografia di John Berger, moderno storyteller, che da sempre abbraccia con passione diverse discipline. Il volume indaga la fotografia attraverso l’esplorazione del mondo e dei linguaggi che la raccontano, tramite saggi, monografie e testi critici

MILANO – Contrastobooks ha presentato pochissimi giorni fa il suo ultimo volume, ”Capire una fotografia” a cura di Geoff Dyer con una selezione di testi di John Berger, figura poliedrica della scena culturale internazionale. «Mentre Berger esamina e mette a nudo le storie di una fotografia, sia quelle che la foto rivela sia quelle che in essa si nascondono, ecco che il lavoro del critico e dello studioso di immagini cede il passo alla vocazione e all’abbraccio dello storyteller» ci spiega lo stesso Dyer.

IL VOLUME – Nel libro figurano venticinque testi, scelti da Geoff Dyer e organizzati in ordine cronologico, che danno conto della passione civile e politica di uno dei grandi intellettuali della nostra epoca e della sua instancabile esplorazione del mondo e dei linguaggi che lo raccontano: saggi pionieristici estrapolati dai suoi libri pubblicati, ma anche pezzi finora inediti, nei quali l’autore indaga l’opera di fotografi come Henri Cartier-Bresson, Martine Franck, Jitka Hanzlová, André Kertész, W. Eugene Smith, Paul Strand e la vita degli uomini e delle donne fotografati. Un volume che è molto di più di un’antologia, ma un vero e proprio saggio di teoria critica. John Berger, storyteller contemporaneo, è un critico d’arte, poeta, giornalista, romanziere, sceneggiatore cinematografico, autore teatrale e disegnatore.  Il suo romanzo G. ha vinto il Booker Prize e il James Tait Black Memorial Prize nel 1972.

13 ottobre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti