nuovi modi di fotografare

7 App che gli amanti della fotografia dovrebbero avere sul proprio smartphone

Per chi vuole avvicinarsi al mondo della fotografia o per chi è già un professionista, ecco gli strumenti più utili per un’ottima riuscita degli scatti
7 App che gli amanti della fotografia dovrebbero avere sul proprio smartphone

MILANO – Il fotografo professionista Lorenzo De Simone e l’amministratore unico di Picwant, Stefano Fantoni sono al passo coi tempi. Sebbene non sia ormai più un mistero per nessuno il ruolo preponderante che la tecnologia riveste al giorno d’oggi nella vita di tutti, bisognava essere appassionati di fotografia e allo stesso tempo amanti del virtuale per impegnarsi nell’operazione compiuta da loro due. Non stupisce inoltre che  Lorenzo De Simone abbia tenuto addirittura un “corso di fotografia con smartphone” con la partecipazione di Stefano Fantoni. I cambiamenti radicali che hanno investito l’ambito fotografico, infatti,  sono traducibili in un dato concreto: dal 2008 lo smartphone è diventato la macchina fotografica più venduta di sempre. Da questo momento gli ambiti della Mobile Photography si espandono a macchia d’olio: fotografi professionisti di fama internazionale iniziano a realizzare reportage col proprio smatphone, si registra un nuovo modo di osservare la realtà, nascono progetti, mostre e concorsi fotografici interamente concepiti via mobile.

LA MOBILE PHOTOGRAPHY E LE NUOVE APP –  La crescente importanza della mobile photography ha fatto sì che intorno ad essa si sviluppasse un microcosmo tecnologico a supporto del mobile photographer, quello delle app di photo editing e non solo. Si tratta, infatti, di app che coinvolgono settori e categorie di utilizzo estremamente variegate, dall’editing ai filtri, dalla condivisione social al puro divertimento, con una compresenza di più applicazioni a competere sullo stesso settore, ma ognuna con le proprie peculiarità. Un utilizzo consapevole di questi strumenti rappresenta un supporto essenziale per scattare, migliorare o semplicemente modificare le proprie fotografie e raggiungere l’effetto desiderato. Ecco perché diventa utile proporre una selezione delle app che non devono mancare sullo smartphone di ogni aspirante fotografo.

 

Hipstamatic: è una delle più longeve app di fotografia mobile.Lanciata a fine 2009 da Synthetic Corp, Hipstamatic è stata eletta app dell’anno da iTunes nel 2010 e nel corso degli anni si è dotata di un corredo di filtri, servizi accessori e spin-off di tutto rispetto. Ormai un classico delle app di fotografia, Hipstamatic dispone di un set di lenti, pellicole e flash di base ed offre la possibilità di creare centinaia di combinazioni. La sua peculiarità è rappresentata dal fatto che si possa scattare la propria foto solo dopo aver selezionato il tipo di obiettivo e pellicola, rivoluzionando l’idea per cui filtri, texture e altre modifiche vengono  introdotti su foto già scattate.

Camera Plus: fa dell’acquisizione e della condivisione di immagini i suoi punto di forza. Offre una  interfaccia arricchita di funzionalità professionali per migliorare gli scatti e per condividerli. Si tratta di una delle app più diffuse per il foto ritocco ma in realtà è  molto versatile anche in fase di scatto. Camera Plus consente di aggiungere svariati filtri attraverso un layout assolutamente intuitivo che consente di ottenere l’effetto desiderato in pochi istanti, interessante la possibilità di intervenire su tempi e ISO con controlli manuali delle regolazioni ad esempio in condizioni di poca luce.

Adobe Photoshop Express: l’alleato migliore per gestire luci, contrasto e colori ma ancora ritagliare, raddrizzare, capovolgere le immagini, rimuovere gli occhi rossi e non solo. Bastano pochi tocchi per migliorare le proprie foto regolando il contrasto, l’esposizione, il bilanciamento del bianco e molto altro.

Snapseed: uno dei punti di forza di questa utile app è la possibilità di migliorare la fotografia in modo selettivo, coinvolgendo nell’editing solo alcune parti di essa. Anche i filtri e gli effetti proposti sono di ottima qualità.

Afterlight: La scelta ideale se si ricercano effetti cinematografici e sfumature. Oltre alle azioni più comuni offre la possibilità di aggiungere ulteriori effetti interessanti come ad esempio simulare la luce diffusa.

Montage: ci sono app più giocose ma altrettanto interessanti, una di queste è Montage, ideale per creare collage e belle immagini composte in stile mosaico. L’applicazione offre molte possibilità e con un po’ di pratica e creatività si possono produrre delle presentazioni molto accattivanti.

Picwant: dopo aver realizzato la foto perfetta con l’aiuto delle migliori app a supporto, perché non provare a venderla? Per iniziare è sufficiente registrarsi e inviare almeno 10 contenuti: lo staff di Picwant valuterà il materiale e, se almeno 5 contenuti saranno approvati, invierà il contratto al fotografo. 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti