Hayez e la sua arte ispirano il cinema

Dall’8 novembre al 21 febbraio 2016, le Gallerie d’Italia a Milano ospiteranno una rassegna cinematografica, a ingresso libero, dedicata a Francesco Hayez.
Hayez e la sua arte ispirano il cinema
Hayez e la sua arte ispirano il cinema. Fino al 21 febbraio 2016 le Gallerie d’Italia a Milano ospiteranno una rassegna cinematografica dedicata ad Hayez.

MILANO – Hayez come comune denominatore. Hayez come artista ispiratore in grado di legare l’arte con il cinema. Le Gallerie d’Italia fino al 21 febbraio 2016 affiancano alla grande mostra “Hayez”, inaugurata qualche giorno fa, una rassegna cinematografica che ripercorre la pittura del grande artista e i temi del Romanticismo e del Risorgimento, a cui molti autori del cinema di ieri e di oggi si sono ispirati sul piano estetico, iconografico o idealista

LEGGI ANCHE: “Hayez”, in mostra a Milano le tre versioni del “Bacio”

LA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA – Classici d’autore e film della nuova generazione di cineasti trovano posto l’uno accanto all’altro. Da “I Promessi Sposi” di Mario Camerini a “Romeo e Giulietta” di Zeffirelli, fino al più recente “Noi Credevamo” di Mario Martone, il programma accoglie opere di ispirazione hayeziana, talvolta per ragioni raffigurative come nel caso di Senso che presenta un calco cinematografico de Il bacio, altre volte nel nome delle idee e degli idealismi risorgimentali di cui l’artista fu messaggero. Per rendere più espliciti e immediati i collegamenti, le associazioni, i riferimenti o le citazioni, la rassegna abbina ad ogni pellicola un’opera pittorica. Ogni proiezione è preceduta da una breve visita guidata ad un’opera esposta in mostra. Infine, il MIC Museo Interattivo del Cinema, per completare l’omaggio ad Hayez e alla sua opera più iconica, ha selezionato spezzoni di film in cui protagonista dell’azione scenica è il bacio, in tutte le sue rappresentazioni.

LEGGI ANCHE: Il bacio di Hayez diventa multimediale

CALENDARIO DELLE PROIEZIONI

  • Domenica 8 novembre ore 15:00 / Giovedì 14 gennaio ore 18:00
    Senso di Luchino Visconti.
    Abbinato al quadro Il bacio
  • Giovedì 7 gennaio ore 18:00 / Domenica 21 febbraio ore 15:00
    Malombra di Mario Soldati.
    Abbinato al quadro Autoritratto a sessantuno anni
  • Domenica 15 novembre ore 15:00 / Domenica 7 febbraio ore 15:00
    Il vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini.
    Abbinato al quadro Ecce Homo
  • Domenica 24 gennaio ore 15:00
    Romeo e Giulietta di Franco Zeffirelli.
    Abbinato al quadro L’ultimo addio di Giulietta a Romeo
  • Domenica 22 novembre ore 15:00 / Giovedì 18 febbraio ore 18:00
    Noi credevamo di Mario Martone.
    Abbinato al quadro Ritratto di Cristina Belgioioso Trivulzio
  • Giovedì 26 novembre ore 18:00 / Domenica 31 gennaio ore 15:00
    Waterloo di Sergej Bondarchuk.
    Abbinato al quadro Napoleone I distribuisce le decorazioni dopo la battaglia di Wagram
  • Domenica 29 novembre ore 15:00 / Giovedì 28 gennaio ore 18:00
    I Promessi Sposi di Mario Camerini.
    Abbinato al quadro Ritratto di Alessandro Manzoni
  • Domenica 10 gennaio ore 15:00/ Giovedì 4 febbraio ore 18:00
    Piccolo Mondo Antico di Mario Soldati.
    Abbinato al quadro Autoritratto in un gruppo di amici
  • Domenica 17 gennaio ore 15 / Giovedì 11 febbraio ore 18
    Gli amori di Astrea e Celadon di Eric Rohmer.
    Abbinato al quadro Betsabea al bagno
  • Giovedì 21 gennaio ore 18:00 / Domenica 14 febbraio ore 15:00
    Nostos – Il ritorno di Franco Piavoli.
    Abbinato al quadro Ulisse alla corte di Alcinoo
© Riproduzione Riservata