ARTE - Peter Doig, tra realtà e sogno

Peter Doig, il ”Gauguin scozzese” in mostra a Basilea

La Fondation Beyeler è un'istituzione creata per valorizzare la raccolta di opere d'arte moderna e contemporanea di Ernest Beyeler, il fondatore. Quest'anno la stagione espositiva della Fondazione è alquanto ricca...

Ha inaugurato ieri alla Fondation Beyeler di Basilea, la mostra dedicata a Peter Doig e ai suoi più importanti lavori, sia dipinti ad olio che opere sperimentali su carta, e che presenta anche un nuovo murale monumentale. Peter Doig, classe 1959, è uno dei più affascinanti pittori figurativi contemporanei

MILANO – La Fondation Beyeler è un’istituzione creata per valorizzare la raccolta di opere d’arte moderna e contemporanea di Ernest Beyeler, il fondatore. Quest’anno la stagione espositiva della Fondazione è alquanto ricca, con quattro grandi mostre in corso, dedicate rispettivamente a Peter Doig, Gustave Courbet, Paul Gauguin e Alexander Calder.

LA MOSTRAPeter Doig, nato a Edimburgo, vive tra Trinidad, Londra e New York, e realizza opere dalle tonalità gioiose che mostrano in primo luogo le persone e l’architettura con sullo sfondo paesaggi di seducente bellezza. Ma sotto la superficie di questi paradisi alla maniera di Gauguin, si cela un senso di malinconia, di solitudine, di disorientamento. Peter Doig crea a partire da foto private e immagini provenienti dai media e dai film, e le sue opere combinano in modo enigmatico cultura pop e storia dell’arte.

24 novembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti