Andy Warhol mostra virtuale

Andy Warhol, il tour virtuale della mostra alla Tate Modern

In un video la mostra di Warhol alla Tate Modern. Oltre alle sue iconiche immagini pop, di Marilyn Monroe, Coca-Cola e Campbell, include opere mai viste prima.
Andy Warhol mostra virtuale tate

Ecco il video della mostra di Andy Warhol alla Tate Modern di Londra, il museo d’arte contemporanea più visitato del mondo. Il museo più visitato al mondo, che supera nel ranking internazionale il MoMA di New York e il Museo Reina Sofía di Madrid. A guidare il tour virtuale gli stessi curatori della mostra Gregor Muir e Fiontán Moran, i quali accompagnano i visitatori attraverso le diverse stanze dell’esposizione. 

Certo il video proposto non potrà mai sostituire la realtà, vedere da vicino, respirare l’atmosfera di questa mostra davvero unica. Ma, ai tempi del Coronavirus i più grandi musei mondiali stanno regalando a tutti gli amanti dell’arte delle mostre virtuali di degno rispetto. E’ questa decisamente si pone come davvero speciale.

 

Il ritorno alla Tate Modern dopo 20 anni

Questa grande retrospettiva è la prima mostra di Andy Warhol alla Tate Modern da quasi 20 anni. Oltre alle sue iconiche immagini pop di lattine di Marilyn Monroe, Coca-Cola e Campbell, include opere mai viste prima nel Regno Unito. Venticinque opere della sua serie Ladies and Gentlemen – ritratti di drag queen e trans, donne nere e latine – vengono mostrate per la prima volta in 30 anni.

“Curare una mostra di Andy Warhol al giorno d’oggi significa confrontarsi con un mondo in cui ognuno ha una proiezione mentale dell’artista e della sua produzione”. Affermano i curatori Gregor Muir e Fiontán Moran. “Tutti conoscono Warhol. È uno di quegli artisti che trascende il mondo dell’arte, essendo diventato ampiamente noto come uno dei personaggi più famosi d’America, se non uno degli americani più famosi d’America. Nel tempo, Warhol è diventato – ed è tuttora – un grande marchio, ed è proprio come lui voleva. ”

 

Andy Warhol, oltre le solite opere

I curatori si sono posti l’obiettivo di eliminare alcuni dei miti del grande lavoro di Andy Warhol. “Quando molti pensano a Warhol, si pensa immediatamente alla pop art e alle immagini delle latte della Campbell’s e delle bottiglie di Coca-Cola, ai ritratti di Marilyn e di Jackie. Tuttavia, la maggior parte di queste opere sono state prodotte nella prima parte degli anni ’60 nella prima casa dell’artista in Lexington Avenue, non nella Silver Factory, come la gente immagina. La realtà è che l’influenza duratura di Warhol può essere trovata nel suo investimento di lunga data in film e TV sperimentali, così come nel suo costante fascino per celebrità, arte commerciale, musica pop e pubblicazioni commerciali “.

Andy Warhol era noto per aver protetto la sua vera identità dietro l’hype e l’eccentricità. Muir e Moran hanno usato questo come un’opportunità per esaminare la persona al di sotto di tutto ciò. “Volevamo guardare Warhol per quello che era, tenendo conto del viaggio della sua famiglia in America dall’Europa orientale, della sua strana identità e del modo in cui il suo lavoro sarebbe stato alla fine informato dalla morte e dalla religione”, affermano. “Con questo in mente, volevamo guardare di nuovo Warhol.”

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti