Sei qui: Home » Arte » Milano, profughi accampati sotto la “Mela reintegrata” di Pistoletto
alla stazione centrale

Milano, profughi accampati sotto la “Mela reintegrata” di Pistoletto

Il leader della Lega Salvini con un video denuncia la situazione alla stazione Centrale di Milano

MILANO – L’emergenza profughi in Italia non è una novità ma il leader della Lega Salvini con un video denuncia la situazione alla stazione Centrale di Milano.

IL VIDEO – Nelle immagini del video si possono vedere delle persone vicino alla “Mela reintegrata”, dopo uno strappo o un morso, del celebre artista italiano Michelangelo Pistoletto. Il numero dei profughi supera la capacità dell’accoglienza e molti si riversano per le strade, e come in questo caso, sotto l’opera dell’artista. Le persone spesso si accampano sotto la mela per dormire o riposare.

IL COMMENTO DI PISTOLETTO – La Lega protesta e denuncia il disagio considerato inammissibile, come dimostra il titolo del video “Benvenuti a Milanistan”. Non la pensa così l’artista che ha creato la mela e ne ha fatto un simbolo dell’accoglienza. Al Corriere delle Sera Michelangelo Pistoletto ha commentato la situazione: «Mi fa piacere vedere persone in cerca di una patria che trovano riparo sotto un’idea».

 

Credit copertina: foto Corriera della Sera

© Riproduzione Riservata