Kandinsky e Warhol, Izis e Blumenfeld, un weekend a Milano all’insegna della grande arte

ARTIAMO IN VIAGGIO - All'interno di numerosi musei, gallerie d'arte, fondazioni e associazioni, Milano offre un ricco patrimonio d'arte e cultura. Sono numerosi gli eventi d'arte ed esposizioni che ruotano intorno alla città ambrosiana. Li andiamo a scoprire insieme questa settimana per la nostra rubrica ''Artiamo in viaggio''...

Per artiamo in viaggio questa settimana proponiamo un week end a Milano, alla scoperta della grande arte contemporanea e fotografica

ARTIAMO IN VIAGGIO – All’interno di numerosi musei, gallerie d’arte, fondazioni e associazioni, Milano offre un ricco patrimonio d’arte e cultura. Sono numerosi gli eventi d’arte ed esposizioni che ruotano intorno alla città ambrosiana. Li andiamo a scoprire insieme questa settimana per la nostra rubrica ‘Artiamo in viaggio’.

KANDINSKY. LA COLLEZIONE DEL CENTRE POMPIDOU – Il viaggio artistico e mentale di uno dei padri dell’arte astratta attraverso tutte le tappe del suo percorso. A cura di Angela Lampe – storica dell’arte nonché curatrice e conservatrice del Centre Pompidou di Parigi – e in collaborazione per l’Italia con Ada Masoero, la mostra è una grande retrospettiva monografica che presenta oltre 80 opere fondamentali dell’arte di Kandinsky in ordine cronologico. In mostra fino al 27 aprile a Palazzo Reale.

WARHOL – Andy Warhol, padre della Pop Art americana, torna a Milano con una grande monografica curata da Peter Brant, appassionato collezionista che, fin da giovanissimo, iniziò a collezionare opere di artisti contemporanei americani mettendole poi a disposizione per fini di studio e divulgazione attraverso la Brant Foundation, con il contributo di Francesco Bonami. L’arte di Andy Warhol, che portava gli scaffali di un supermercato all’interno di un museo o di una mostra d’arte, era una provocazione continua: l’arte doveva essere ‘consumata’ come un qualsiasi altro prodotto commerciale. La ripetizione era il suo metodo di successo: su tele di grandi dimensioni riproduceva moltissime volte la stessa immagine alterandone i colori, prevalentemente vivaci e forti; prendendo immagini pubblicitarie di importanti marchi commerciali (famose le sue bottiglie di Coca Cola) o immagini di grande impatto visivo ed emotivo riusciva a svuotarle di significato proprio con la ripetizione su vasta scala In mostra sempre a Palazzo Reale fino il 9 marzo.

GIUSEPPE PELLIZZA DA VOLPEDO E IL QUARTO STATO – Al Museo del Novecento fino al 9 marzo una grande mostra dedicata ad uno dei quadri più significativi per il XX secolo, ‘Il Quarto Stato’ di Pellizza da Volpedo, custodito nelle sale del Museo. Si tratta di un’opera monumentale che ha segnato un momento storico, artistico e sociale e che è stata frutto di un lavoro molto lungo e complesso. In mostra si ripercorre questa affascinante storia e ricerca attraverso trenta opere che ne svelano l’origine e le fasi preparatorie.  

BELLE EPOQUE. IL SOGNO ELEGANTE DI DALSANI –  Ancora una volta Milano e Torino si gemellano in un progetto d’arte e cultura. Dalla loro collaborazione nasce il percorso espositivo dedicato al Risorgimento e a come l’ha vissuto il disegnatore e caricaturista Giorgio Ansaldi (1844 – 1922), in arte Dalsani. Maestro dell’illustrazione fra i più acuti del panorama artistico a cavallo tra Otto e Novecento. In mostra al Museo del Rinascimento fino al 16 marzo.

IZIS IL POETA DELLA FOTOGRAFIA – Presso lo Spazio Oberdan fino al 6 aprile è in mostra l’opera di Izis Bidermanas (1911-1980), uno dei grandi fotografi umanisti del secolo scorso, poeta dell’immagine, ritrattista e reporter. La mostra “IZIS. Il Poeta della Fotografia” propone una selezione di oltre 140 fotografie curata dal figlio Manuel Bidermanas con Armelle Canitrot e la proiezione del film “Aperçus d’une vie (Scorci di vita)”, a ciclo continuo all’interno dello spazio espositivo. E’ l’occasione di una vera e propria scoperta, l’opportunità di conoscere l’intensa attività di questo autore che, esiliato da giovane, ha cercato di trovare riposo nel sogno. A distanza di tempo le sue fotografie, con il loro taglio affilato della luce e la loro particolare sensibilità all’atmosfera, sono sempre testimonianze di una grande poesia.

BLUMENFELD STUDIO. NEW YORK 1941/1960 – In mostra alla Galleria Sozzani fino al 30 marzo  le opere di Erwin Blumenfeld, una tra le figure più influenti e innovative della fotografia del ventesimo secolo. L’esposizione “Blumenfeld Studio – New York 1941-1960” si concentra sui lavori che realizza nel suo studio di Central Park a New York durante la Seconda Guerra Mondiale e i successivi anni del boom economico. Dalla fotografia di moda alle campagne pubblicitarie, dai ritratti di personalità, ai manifesti della propaganda, fino ai lavori sperimentali che oggi sono stati riconosciuti come significativi e determinanti per lo sviluppo della fotografia contemporanea. A cura di Nadia Blumenfeld Charbit, François Cheval e Ute Eskildsen.

UNA GUERRA EPOCALE – Nel centenario dello scoppio della prima Prima Guerra Mondiale, in anteprima per l’Italia a La Casa di Vetro a Milano, si inaugura il 1° marzo 2014 la mostra “Una guerra epocale. Il primo conflitto mondiale nelle immagini degli archivi inglesi, francesi e tedeschi gestiti in Italia da Tips Images”fino al 18 aprile. Le 54 foto in esposizione non mirano a raccontare dal punto di vista storico e accademico come si svolsero gli eventi della prima guerra mondiale tra il 1914 e il 1918, ma piuttosto a immergere lo spettatore nell’atmosfera tragica, incredibile ed epocale di quella guerra.

BRAIN. IL CERVELLO, ISTRUZIONI PER L’USO – Direttamente dall’American Museum of Natural History di New York e unica tappa italiana al Museo Civico di Storia Naturale fino al 13 aprile, una grande esposizione di carattere internazionale che, con l’aiuto delle neuroscienze, aiuterà a rivelare, anche a un pubblico non specialistico, i meccanismi che regolano le nostre percezioni, emozioni, opinioni e sentimenti. Un coinvolgente allestimento sensoriale con exhibit, installazioni, giochi e filmati guiderà lo spettatore alla scoperta di tutte le dimensioni contenute nel cervello umano.

#VIAGGICHEAMO – L’Urban Center in Galleria Vittorio Emanuele II solo per questo week end ospita la mostra fotografica che prende vita dall’omonimo concorso promosso da American Express e darà spazio alle oltre 2.300 foto che hanno partecipato al concorso, con un’enfasi particolare sulle 27 foto vincitrici, offrendo ai visitatori un collage di suggestioni di viaggio di chi ama la fotografia senza essere un professionista.

1 marzo 2014 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti