ARTE - Ricorrenze pittoriche

Il Tintoretto, l’ultimo grande del Rinascimento italiano

In occasione dell’anniversario della morte, vi proponiamo una selezione delle opere più importanti del Tintoretto, grande innovatore della pittura rinascimentale e precursore del Barocco...

In occasione dell’anniversario della morte, vi proponiamo una selezione delle opere più importanti del Tintoretto, grande innovatore della pittura rinascimentale e precursore del Barocco

 

MILANO – Il 31 maggio del 1594 si spegneva Jacopo Robusti, molto più noto a tutti gli appassionati d’arte come il Tintoretto: tale soprannome era dovuto alla professione del padre, che infatti era un tintore di stoffe. Tra i più grandi esponenti della scuola veneziana, il Tintoretto è stato con ogni probabilità l’ultimo grande pittore del Rinascimento italiano.

 

STILE – La sua arte pittorica è caratterizzata dalla grande energia espressiva e dall’utilizzo ardito della prospettiva. Nelle sue opere troviamo spesso grandi composizioni drammatiche e audaci contrasti di luce e ombra. Queste caratteristiche ne hanno fatto al contempo un grande innovatore del Rinascimento veneziano e un precursore dell’arte barocca.

 

In occasione dell’anniversario della sua morte, vi proponiamo alcuni dei suoi quadri più celebri, indicativi delle caratteristiche di questo grandissimo pittore italiano.

 

Miracolo di san Marco”, 1548, olio su tela, Gallerie dell’Accademia, Venezia.

 

 

Peccato originale”, 1550-1553, olio su tela, Gallerie dell’Accademia, Venezia.

 

 

Ritrovamento del corpo di san Marco”, 1562-1566, olio su tela, Pinacoteca di Brera, Milano.

 

 

Trafugamento del corpo di san Marco”, 1562-1566, olio su tela, Gallerie dell’Accademia, Venezia.

 

Ultima Cena”, 1570 circa, olio su tela, Chiesa di San Polo, Venezia.

 

 

31 maggio 2015

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti