Grande attesa per la prima giornata nazionale dei piccoli musei

Nella giornata di domani a Roma saranno aperti al pubblico otto piccoli musei ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti
Grande attesa per la prima giornata nazionale dei piccoli musei

MILANO –  L’obiettivo della Prima Giornata Nazionale dei Piccoli Musei, in programma domani 18 Giugno 2017, è quello di far conoscere la vera importanza dei piccoli musei, il loro ruolo e la loro specificità. Il fitto programma di attività è a ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili. L’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali aderisce all’iniziativa attraverso il coinvolgimento di otto piccoli musei della città, già solitamente ad ingresso gratuito. Ecco i musei che si potranno visitare.

MUSEO DELLE MURA – I bambini dai sei ai dieci anni potranno partecipare al laboratorio didattico” Difendere la città al tempo dei romani: le mura, le porte, i soldati”. La durata è di circa due ore per un massimo di venti bambini fino ad esaurimento posti. Il laboratorio prevede come tappa iniziale la visita guidata al museo,dove i bambini potranno osservare dall’interno l’immensa opera di fortificazione realizzata per volere dell’imperatore Aureliano. Seguirà una breve rassegna sull’abbigliamento del soldato romano, sulle armi utilizzate, sui compiti a lui affidati. Si procederà poi con la realizzazione di uno scudo personale in cartone che i bambini porteranno a casa.

MUSEO DELLA VILLA DI MASSENZIO – Attraverso l’esperienza ludica, la visita al complesso e il contatto con le specie protette del Parco, il laboratorio si propone di offrire ai bambini un insieme di sensazioni diverse che permettano loro di avvicinarsi all’Antico e in particolare alla vita quotidiana di un bimbo in una ricca residenza romana. Ai bambini verranno mostrati i giochi più comunemente praticati  in epoca romana: biglie, noci, trottole, cerchio o dadi e filetto. Seguirà una caccia al tesoro fotografica, gioco a squadre per grandi e piccini (accompagnati) alla ricerca della flora e della fauna segreta dell’area. Per concludere, i bambini correranno all’interno del circo una staffetta, alla quale seguirà una simbolica cerimonia di premiazione.

MUSEO DI CASAL DE’ PAZZI – Il laboratorio ha come obiettivo quello di far conoscere ed apprezzare le proprietà e gli utilizzi di varie piante e materie disponibili in natura e di immedesimarsi nelle esperienze di vita quotidiana di un uomo di Neanderthal, per dimostrare che tutto ciò di cui si può aver bisogno, per sopravvivere e vivere, è offerto da piante e animali che ancora ci circondano. Nel museo sarà messa nel giardino una nuova pianta nella cui fossa saranno conservati e sepolti piccoli oggetti che ognuno offrirà. Infine a ciascuno sarà dato un piccolo dono che ricordi il tema trattato.

MUSEO DELLA REPUBBLICA ROMANA E DELLA MEMORIA GARIBALDINA – Il vento di rivolta che spira in tutta Europa in quel memorabile anno di metà ottocento, arriva al museo di Roma. Mazzini, Garibaldi, Mameli e tanti altri patrioti dai nomi importanti accorrono a Roma, nella città dei papi, quando il papa non c’è più e costruiscono in pochi mesi un mondo nuovo. Un mondo così democratico e innovativo da metter però in angoscia i vecchi poteri, accorsi allora a schiacciare con la forza i ribelli. Tra i tanti giovani e giovanissimi del 1849, accorsi con slancio alla difesa della Repubblica Romana, oggi ci sei anche tu: scegli la tua divisa e riconquista al nemico la bandiera della libertà!

MUSEO PIETRO CANONICA -I visitatori conosceranno il museo a partire dai profumi del suo giardino di melangoli. All’interno saranno accolti dagli operatori che, con parole e musica, illustreranno la vita e l’epoca dello scultore Pietro Canonica. L’esplorazione tattile di alcune opere permetterà di conoscere l’arte dello scultore, il cui lavoro, che si caratterizza per una straordinaria perizia tecnica e capacità di rendere attraverso il marmo la psicologia dei personaggi ritratti, si inserisce nella produzione artistica internazionale tra Ottocento e Novecento.

MUSEO CARLO BILOTTI-ARANCIERA -Per l’occasione i visitatori saranno guidati nel museo alla conoscenza del luogo e della sua collezione d’arte, tra suggestioni tattili ed uditive progettate e pensate per loro. Obiettivo dell’esperienza sarà la familiarizzazione con la storia dell’Aranciera di Villa Borghese, con la collezione permanente del Museo Carlo Bilotti e con la figura di Giorgio De Chirico in particolare di cui si potranno esplorare alcune sculture e conoscere opere pittoriche attraverso delle tavole tattili. Completerà la visita l’esperienza delle scatole multisensoriali, capaci di evocare l’atmosfera dei dipinti e suscitare sensazioni.

MUSEO NAPOLEONICO – I volontari del Servizio Civile Nazionale accompagneranno i visitatori alla scoperta del Museo Napoleonico, in un percorso che porterà alla luce le vicende che videro protagonisti gli esponenti della famiglia Bonaparte per tutto l’Ottocento e fino agli inizi del XX secolo.

MUSEO DI SCULTURA ANTICA GIOVANNI BARRACCO -La visita al complesso comprende un primo momento introduttivo sulla funzione del museo come raccolta di beni culturali di fruizione pubblica e sul concetto di collezione.Successivamente sarà spiegata la nascita della comunicazione scritta, con particolare riferimento alla civiltà egizia e alle civiltà mesopotamiche. In questo modo saranno faraoni, scribi ed alti dignitari a guidare i piccoli visitatori attraverso un viaggio lungo il Nilo e le sontuose architetture dell’antico Egitto e verso la nascita di una civiltà culturalmente all’avanguardia nei campi della scrittura e delle scienze. Un breve focus sui geroglifici consentirà di apprendere gli elementi base della scrittura per immagini, stimolando le classi ad un approccio diretto tramite le opere esposte.

 

 

 

© Riproduzione Riservata