ARTE - Mostre da non perdere

Firenze, ”un anno ad arte”. Ecco le mostre da visitare nel 2015 al Polo Museale Fiorentino

Lo sterminato patrimonio artistico di cui il capoluogo toscano è dotato fa si che questa città sia luogo di riferimento privilegiato per gli amanti dell’arte classica, moderna e contemporanea. All’insegna dell’originalità, per trecentosessantacinque giorni l’anno...

FIRENZE –  Lo sterminato patrimonio artistico di cui il capoluogo toscano è dotato fa si che questa città sia luogo di riferimento privilegiato per gli amanti dell’arte classica, moderna e contemporanea. All’insegna dell’originalità, per trecentosessantacinque giorni l’anno l’offerta culturale di Firenze resta qualitativamente elevata: così anche nel 2015, nell’ambito del progetto “Un Anno ad Arte‘ (finanziato in primis dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze), saranno realizzati importanti eventi espositivi che coinvolgeranno i principali Musei del Polo Fiorentino, con un calendario ricco di iniziative in cui saranno valorizzati capolavori d’eccezione. Una carrellata di opere create da artisti poco noti, realizzate in periodi diversi, dal Medioevo, Rinascimento e Barocco, fino alla seconda metà dell’Ottocento, epoca in cui Firenze fu capitale d’Italia. Denominatore comune di  questi eventi è costituto dal lavoro compiuto da ricercatori ed esperti che hanno svolto studi e scoperte all’interno delle varie collezioni dei singoli musei fiorentini.

EVENTI  D’ARTE  PROGRAMMATI  AGLI  UFFIZI – L’inaugurazione dell’edizione 2015 di “Un  anno ad Arte” avrà luogo dal 10 febbraio alla Galleria degli Uffizi, dove sarà di scena “Gherardo delle Notti. Quadri bizzarrissimi e cene  allegre”.  Nell’ambito di questa esposizione dedicata a Gerrit van Honthorst, (il cui soprannome italianizzato è legato alle scene notturne a lume di candela influenzate da opere di Caravaggio), saranno presentati per la prima volta i più noti dipinti e le pale d’altare di questo artista di livello internazionale (questa mostra rimarrà aperta fino al 24 maggio 2015). Ancora alla Galleria degli Uffizi, (dal 22  giugno  al 27 settembre 2015) saranno esposte le opere di Piero di Cosimo (1462-1522). Pittore fiorentino eccentrico fra Rinascimento e Maniera”. Alquanto affine a Leonardo da Vinci, questo geniale artista è ancora troppo spesso ignorato dai non addetti ai lavori; descritto da G. Vasari come personaggio eccentrico e misantropo, Piero di Cosimo eseguì eccelsi dipinti e disegni esposti per la prima volta in questa occasione. Alcune sue opere proposte agli Uffizi provengono dalla National  Gallery di Londra, dal Metropolitan Museum di New York  e dalla National Gallery di Washington; quest’ultimo museo è partner con gli Uffizi nell’organizzazione della mostra, la cui prima tappa sarà svolta nel 2015 negli U.S.A..

MOSTRE AL BARGELLO E ALLA GALLERIA DELL’ACCADEMIA – Nel 150° anniversario della sua fondazione, il Museo Nazionale del Bargello presenterà  “Il Medioevo  in  viaggio” (in corso dal 20 marzo al 21 giugno 2015): questa mostra  sarà distinta in molteplici sezioni per affrontare da vari punti di vista  il tema del viaggio, svolto per terra e per mare, da pellegrini, crociati, cavalieri, ma anche mercanti e banchieri. Nelle varie sezioni del museo saranno esposte raffigurazioni iconografiche ma anche oggetti appartenuti a viaggiatori e viandanti dell’età medioevale: carte geografiche, globi celesti e poi reliquie, corredi, souvenir della Terra Santa, ecc. Alla Galleria dell’Accademia, (dal 30 marzo all’11 ottobre 2015), avrà invece luogo “L’Arte di  Francesco. Capolavori d’arte e terre d’Asia dal XIII° al XV° secolo”, rassegna espositiva fondata sulla selezione di opere artistiche di diretta matrice francescana che includono tavole pittoriche ma anche sculture, codici miniati, documenti e vari manufatti; con maestri d’eccezione quali Cimabue, A. Della Robbia, Maestro di S. Francesco ed altri protagonisti di primo piano delle pitture ed affreschi. Ulteriore mostra ospitata dalla Galleria dell’Accademia (dal 14  dicembre 2015  al 17 aprile 2016) sarà dedicata a “Carlo Portelli. Pittore di pregio”: l’esposizione  monografica su questo artista, poco noto al grande pubblico,  include non solo pitture, ma anche  disegni e rari  documenti.

ALTRE  ESPOSIZIONI  A PALAZZO PITTIFra gli eventi programmati a Palazzo Pitti, segnaliamo che  al  Museo degli Argenti  (dal 9  giugno  all’11 ottobre 2015) sarà svolta la mostra Lapislazzuli. Magia del Blù”, prima esposizione al mondo dedicata all’argomento, ideata per documentare l’unicità di questo prezioso materiale roccioso. Utilizzato fin dall’antichità, il lapislazzuli era noto a Marco Polo e durante il Rinascimento presso la corte dei Medici che collezionarono un’estesa gamma di oggetti ornamentali: anfore, coppe, vasi, ma anche mobili intarsiati, ecc. Alla Galleria Palatina (dal 30  giugno al 15 novembre 2015) sarà di scena invece Carlo Dolci, pittore figurativo affascinante, le cui opere di notevole qualità pittorica incontrarono grande fortuna nel mercato anglosassone; questa mostra a lui dedicata si tiene alla vigilia della ricorrenza del 2016, anniversario della sua nascita (1616). Ancora a Palazzo Pitti, presso la Galleria d’Arte Moderna (dal 19/11/2015  al 3/04/2016), sarà allestita la mostra  “Firenze capitale  1865-2015.  I  doni e  le collezioni  del  Re . Questa esposizione (curata dai proff. C. Ceccuti e S. Rogari) raccoglie arredi ed opere d’arte acquisiti dal Re Vittorio Emanuele II per la reggia di Palazzo Pitti nel periodo della sua permanenza a Firenze.   Nel  2015, in tutta l’area metropolitana fiorentina, al di fuori di “Firenze – Un anno ad arte”, saranno  svolte ulteriori mostre ed istallazioni (presso prestigiosi cenacoli, giardini, musei, palazzi e ville) dedicate ai temi dell’Expo di Milano, ispirati quindi al tema “Nutrire il Pianeta”.  Ad  EXPO 2015,  i grandi Musei fiorentini presteranno anche alcune preziose opere d’arte.

Cristina Fontanelli

26 novembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti