Sei qui: Home » Arte » Finissage de “La Grande Madre”
Ultimi giorni di mostra

Finissage de “La Grande Madre”

Ultimi giorni per visitare la mostra “La grande Madre” al Palazzo Reale di Milano. Due iniziative arricchiranno l’ultima settimana: sarà esposta una nuova opera e, per alcuni, l'ingresso sarà ridotto.

MILANO – Una mostra che ha riscosso un successo incredibile, attirando decine di migliaia di visitatori e che celebra ‘iconografia e la rappresentazione della maternità nell’arte del Novecento. Siamo giunti ormai quasi alla fine dell’esposizione e questi sono gli ultimi giorni per visitare “La Grande Madre”, la mostra a cura di Massimiliano Gioni, ideata e prodotta dalla Fondazione Nicola Trussardi insieme a Palazzo Reale per ExpoinCittà 2015, che rimane aperta al pubblico fino a domenica 15 novembre 2015 nelle sale al piano nobile di Palazzo Reale. Attraverso oltre 400 opere, di 139 artiste, artisti, scrittori e registi internazionali insieme a documenti e ad altre testimonianze figurative – provenienti da una ventina di musei nel mondo, oltre che da fondazioni, archivi, collezioni private e gallerie – e un allestimento di 2.000 metri quadrati articolato in 29 sale al primo piano di Palazzo Reale, La Grande Madre analizza l’iconografia e la rappresentazione della maternità nell’arte del Novecento, dalle avanguardie sino ai nostri giorni, spaziando da Umberto Boccioni a Valentin de Saint-Point, da Frida Kahlo a Marcel Duchamp, da Max Ernst a Leonora Carrington, da Dorothea Tanning ad André Breton, da Louise Bourgeois a Jeff Koons.

LEGGI ANCHE: La Grande Madre, la mostra che celebra il potere creativo della donna nell’arte

NUOVA OPERA – Per l’ultima settimana di apertura, da lunedì 9 a domenica 15 novembre, La Grande Madre si arricchisce di una nuova opera: l’installazione My Mommy Is Beautiful di Yoko Ono, realizzata per la prima volta dall’artista nel 2004 per la Biennale di Liverpool e inclusa fino a ora all’interno della mostra milanese soltanto come progetto digitale, lanciato lo scorso 10 maggio in occasione della Festa della Mamma e che ha visto da maggio a oggi il coinvolgimento attivo attraverso il web e i social network di migliaia di persone di tutto il mondo.

MY MOMMY IS BEAUTIFUL – La celebre artista invita tutti gli spettatori a partecipare a questa sua opera collettiva chiamando i visitatori a raccontare e condividere gli affetti familiari, i legami più speciali e i racconti più personali su un grande muro bianco collocato all’ingresso della mostra a Palazzo Reale, dove sarà possibile lasciare la propria testimonianza, raccontare i propri ricordi, condividere immagini e ritratti della propria madre, creando in questo modo un monumento spontaneo e popolare dedicato alla figura della mamma. Parallelamente, rimarrà attivo il progetto digitale #MyMommyIsBeautiful, promosso in collaborazione con il Corriere della Sera e la 27 Ora: tutti sono invitati a postare e condividere online su Facebook, Instagram e Twitter immagini, fotografie, ricordi, pensieri e tributi alla propria mamma.

LEGGI ANCHE: La Grande Madre, la maxi collettiva targata Fondazione Trussardi

YOKO ONOYoko Ono (Tokyo, 18 febbraio 1933) è una delle più importanti artiste dei nostri tempi. Negli anni Sessanta, è stata fra i primi membri di Fluxus, e successivamente tra i primi artisti a esplorare nuove forme di espressione come l’arte concettuale, la performance e il cinema sperimentale. Pioniera dell’arte femminista, nella sua lunga carriera ha esposto nei più autorevoli musei e kermesse di tutto il mondo, e ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti, tra cui il Leone d’Oro alla Carriera della Biennale di Venezia nel 2009. Dal 17 maggio al 7 settembre 2015 il MoMA – Museum of Modern Art di New York ha ospitato la sua mostra personale Yoko Ono: One Woman Show, 1960–1971.

LEGGI ANCHE: La lettera d’amore di John Lennon a Yoko Ono

LE ULTIME INIZIATIVE – Infine, nell’ultima settimana di apertura tutti i visitatori accompagnati dalle loro madri avranno diritto all’ingresso ridotto, per celebrare con un ulteriore piccolo gesto tutte le mamme reali e virtuali che hanno accompagnato La Grande Madre in questi mesi, accanto alle decine di migliaia di persone che già hanno visitato la mostra decretandone un indiscutibile successo di pubblico e di critica.

© Riproduzione Riservata