Da Caravaggio a Picasso, alla scoperta dei capolavori del Monastero di Montserrat

''Montserrat. Opere maggiori dell’Abbazia'' è il titolo della grande mostra che il Forte di Bard, principale polo culturale e turistico della Valle d'Aosta, ospiterà fino al 2 giugno 2014...

‘Montserrat. Opere maggiori dell’Abbazia’ in mostra fino al 2 giugno 2014 al Forte di Bart in Valle d’Aosta

MILANO – ‘Montserrat. Opere maggiori dell’Abbazia’ è il titolo della grande mostra che il Forte di Bard, principale polo culturale e turistico della Valle d’Aosta, ospiterà fino al 2 giugno 2014. Il progetto presenta per la prima volta raccolte in un unico evento, le opere dal grande valore storico-artistico provenienti dal Monastero benedettino di Montserrat, località a pochi chilometri da Barcellona, in Catalogna.

I CAPOLAVORI – In mostra cento capolavori, dal Romanico al Barocco, dall’Impressionismo all’Avanguardia, con omaggi particolari all’arte italiana e alla pittura antica spagnola. Tra le opere esposte spiccano il ‘San Gerolamo’ di Caravaggio, le tele di Gianbattista Tiepolo, Luca Giordano, Francesco Solimena, Andrea da Salerno, Pedro Berruguete, Marià Fortuny, Rembrandt e due capricci di Luigi Rossini mai esposti. A questi si aggiungono altri grandi maestri della storia dell’arte: Monet, Degas, Pisarro, Sisley, Rouault, Chagall, Braque, Marini, Hartung, Rusiñol, Picasso, Dalì, Tàpies, Poliakoff, Chanko, Le Corbusier e Subirachs.

 
LA CURATELA – La mostra vede il prezioso contributo oltre che dei curatori, Josep de C. Laplana e Gabriele Accornero, e degli assistenti alla curatela, Raul Magi e Chantal Cerise, anche del Priore della Comunità Monastica di Bose, Enzo Bianchi, e dell’Abate di Montserrat, Dom Josep Maria Soler. Il progetto riveste accanto alla rilevanza artistica e culturale anche un pregnante significato in relazione alla vicinanza tra le regioni autonome della Catalogna e della Valle d’Aosta e tra Spagna e Italia.

 
LA MOSTRA – Il percorso espositivo si snoda nelle sette sale delle Cannoniere del Forte e presenta vari ambiti e aspetti della Storia dell’Arte, dal Medioevo fino ad arrivare ai giorni nostri.

Sala 1. Dal Romanico al Barocco
La sala è essenzialmente dedicata all’arte italiana con i capolavori di Andrea da Salerno, Caravaggio con il “San Gerolamo”, Luca Giordano, Francesco Solimena, Giambattista Tiepolo e due capricci di Luigi Rossini mai esposti all’estero fin ora.
Sala 2. Montserrat e la Pittura antica spagnola
La sala è dedicata in parte alla Madonna di Montserrat con una statue di origine romanica e due oli su tela. Uno spazio audiovisivo sarà interamente dedicato alla conoscenza del Monastero. Inoltre la sala ospiterà il capolavoro di Pedro Berruguete “La nascita della Vergine” e un meraviglioso frammento di affresco con “L’allenamento dei cavalieri”.
Sala 3. Realismo, Impressionismo e Naturalismo
In questa sala si potranno ammirare le opere di pittori importanti spagnoli come Ramon Altì Alsina, Joaquim Vayreda, Romà Ribera e Francesi come Claude Monet, Alfred Sisley, Camille Pissarro ed Edgar Degas.
Sala 4. Arte moderna
La sala ospita i capolavori degli Spagnoli Santiago Rusinol, Ramon Casas, Julio Romero de Torres e dionis Baixeras.
Sala 5. Arte post moderna
Ancora una sala con i famosi quadri di Joaquim Mir, Isidre nonell, Hermen Anglada-Camarasa, Ricard Canals.
Sala 6. Dal novecento all’Avanguardia
In questa sezione i primi capolavori di Pablo Picasso, le opere di Joaquim Sunyer, un grande quadro di Salvador Dalì e le opere di George Rouault, Serge Poliakoff e Sean Scully.
Sala 7. Disegni moderni e contemporanei
I disegni appartengono ai pittori già incontrati lungo il percorso consentendo al visitatore un ulteriore approfondimento dei contenuti. Le opere appartengono a Canals, Casas, Nonell, Picasso, Juan Gris, Dalì, Joan Mirò e Antoni Tàpies.

 

5 febbraio 2014

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti