ARTE - Artisti italiani all'estero

Berlino accoglie un grande bronzo dell’artista toscano Giampaolo Talani

Ancora una volta Berlino ha scelto Giampaolo Talani. L'artista toscano inaugura oggi, alla presenza dei rappresentanti dell’Ambasciata d’Italia e della municipalità berlinese, una scultura a Washingtonplatz...

Berlino, a 25 anni della caduta del muro, accoglie l’opera di un artista italiano, Giampaolo Talani, nella Washingtonplatz, la grande piazza di fronte alla grande stazione ferroviaria di Berlino 

 
MILANO – Ancora una volta Berlino ha scelto Giampaolo Talani. L’artista toscano inaugura oggi, alla presenza dei rappresentanti dell’Ambasciata d’Italia e della municipalità berlinese, una scultura a Washingtonplatz, la grande piazza di fronte alla principale stazione ferroviaria di Berlino, la Hauptbahnof , nel cuore del Distretto Governativo; l’inaugurazione avviene subito dopo la chiusura dei festeggiamenti per il venticinquennale della caduta del muro.

 
LA SCULTURA – A pochi passi dal fiume di Berlino, la Sprea, un viaggiatore in bronzo alto 3 metri e mezzo, fronteggia gli edifici della Cancelleria Federale e del Bundestag (Parlamento), che sorgono sull’altra riva del fiume. Si tratta di un’opera in bronzo del grande artista toscano, che già nel 2009, in occasione del ventennale della caduta del Muro, fu l’unico artista straniero che aprì la kermesse con la sua installazione ‘Die Mauer – Gli ombrelli della libertà’.

 
‘Partenza’ è il titolo dell’opera che, per espresso suggerimento delle autorità berlinesi preposte alla approvazione del progetto, ha preso spunto dai viaggiatori raccontati da Talani nell’affresco fiorentino di S.M.Novella. Il progetto di Talani è stato approvato dal Senato di Berlino, dalla Commissione per l’Arte negli Spazi Pubblici del distretto Mitte e dalla Commissione di Pianificazione e Progettazione per il Distretto Governativo in coordinamento con il Governo Federale.

UN ARTISTA IN GERMANIA – Talani ha colpito da tempo la sensibilità delle istituzioni tedesche che condividono appieno la visione poetica del viaggio e della partenza che l’artista toscano ha così efficacemente espressa nell’affresco ‘Partenze’ attualmente collocato alla stazione di Santa Maria Novella in Firenze, e che presto troverà una nuova dimora al Museo del ‘900 che da pochi mesi ha incrementato lo straordinario patrimonio museale della città di Firenze. La stessa poetica apparterrà anche a Berlino, capitale europea che vanta una realtà culturale in continuo fermento e che in questa circostanza offre uno spazio istituzionale all’unico artista italiano che in tempi recenti ha saputo creare opere di grande respiro destinate a spazi pubblici; ricordiamo il bronzo “Rosa dei Venti” collocato alla stazione ferroviaria di Santa Lucia Venezia, “L’Uomo che Salva il Mare” di recente posizione all’Isola del Giglio, “Il Marinaio” di San Vincenzo e il busto di Giuseppe Garibaldi eseguito per il Quirinale.

 

 
25 febbraio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti