Su Repubblica, l’intervista a Umberto Eco sul suo ”Il pendolo di Foucault”, recentemente revisionato

RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANA - La prima pagina di cultura di Repubblica di oggi propone l'intervista, a cura di Antonio Gnoli, a Umberto Eco, in occasione della revisione del suo romanzo ''Il pendolo di Foucault''. La Stampa ed il Giornale mettono invece al centro il Salone Internazionale del Libro di Torino, che aprirà domani...
Su La Stampa e il Giornale ancora spazio al Salone del Libro, con anticipazioni su temi e ospiti
 
RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANA – La prima pagina di cultura di Repubblica di oggi propone l’intervista, a cura di Antonio Gnoli, a Umberto Eco, in occasione della revisione del suo romanzo “Il pendolo di Foucault”. La Stampa ed il Giornale mettono invece al centro il Salone Internazionale del Libro di Torino, che aprirà domani. In particolare, La Stampa propone in anteprima la prolusione che terrà questa sera lo scrittore-ambasciatore Jorge Edwards ed un intervento del direttore Ernesto Ferrero, mentre il Giornale pubblica un ampio stralcio del romanzo “Lui è tornato”, di Timur Vermes, ospite attesissimo di questa 26 esima edizione del Salone di Torino. 
 
IL PENDOLO DI FOUCAULT 25 ANNI DOPO – Antonio Gnoli ha intervistato per Repubblica Umberto Eco. Lo scrittore, a venticinque anni dall’uscita de “Il pendolo di Foucault”, ha rimesso mano al suo testo, apportando modifiche stilistiche ed alcuni aggiornamenti. Come sostenuto dallo stesso autore, l’intervento di editing non ha mutato la struttura del romanzo, ma ha riguardato principalmente una revisione e snellimento di alcune parti, considerate poco fluide. Vi sono stati sfrondamenti nei dialoghi e riproposizioni di dati in una forma più facilmente interpretabile. Il romanzo conserva ancora oggi attualità e forza avvincente, poiché il protagonista è il computer, ribattezzato dallo stesso autore “Abulafia”. La sua attualità torna in modo ancor più stringente poiché “Il Pendolo” ha al centro la teoria del complotto, descritta ed interpretata nelle sue varie declinazioni. 
 
IL SALONE DEL LIBRO, TRA CREATIVITA’ E OSPITI ATTESI – Aprirà domani il Salone Internazionale del Libro di Torino. Il tema centrale di questa 26 esima edizione sarà  la creatività. Come sostenuto dal curatore del Salone Ernesto Ferrero attraverso il suo intervento su La Stampa, “La creatività […] risponde ad una esigenza latente. Proprio perché abbiamo toccato il fondo, occorre ripensare radicalmente ed urgentemente il da farsi”. Il Paese ospite di questa edizione sarà il Cile. E sarà proprio lo scrittore-ambasciatore Jeorge Edwards ad aprire la serata inaugurale, attraverso un discorso, in parte riportato su La Stampa, che ripercorrerà la storia della letteratura cilena, dalle origini sino ad oggi, passando per quelli che sono stati i maestri che hanno ispirato tutta la letteratura. Ospite attesissimo di questa edizione è lo scrittore Timur Vermes, autore del romanzo “Lui è tornato” ed in uscita oggi in Italia per Bompiani. Il Giornale propone un ampio stralcio del libro, la cui storia è quella di un redivivo Hitler che tenta la scalata al potere nella Germania guidata da Angela Merkel, sfruttando i mezzi tecnologici. Il libro, già divenuto il caso editoriale del 2013 in Germania, verrà presentato domenica al Salone del Libro di Torino, alla presenza dell’autore e dello scrittore Alessandro Barbero. 
 
ALTRE NOTIZIE – Tra le altre notizie segnaliamo, su Libero, un articolo sul bestseller di Dan Brown “Inferno”, uscito ieri in tutto il Mondo e in Italia per Mondadori. Emergono qui particolari più precisi sulla trama e sullo svolgersi delle vicende. 
 
15 maggio 2013
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© Riproduzione Riservata