Viaggi

Viaggio a Siviglia, la città del sole, di Machado e delle meraviglie

Siviglia è una città meravigliosa che dona meraviglia a chi la visita. Ecco cosa non potete perdervi per ammirare questa perla andalusa
Viaggio a Siviglia, la città del sole, di Machado e delle meraviglie

MILANO – Siviglia è una città unica: solare, calda, allegra e accogliente. La sua vivacità è visibile in tanti suoi aspetti: dagli alberi d’arancio lungo le strade, dai patii verdeggianti e ricchi di fiori, dagli edifici preziosi e arabeschi, dall’aria di festa che la caratterizza. Siviglia è magica e non a caso gli Spagnoli dicono “Sevilla…maravilla” (Siviglia…meraviglia). Come tutto il resto dell’Andalucia, la regione in cui si trova, anche questa città è contaminata da aspetti del cristianesimo e aspetti dell’islam. Infatti non bisogna scordare che Granada, a poche ore da Siviglia, è stata per lungo tempo capitale del sultanato arabo in Spagna. Proprio per questo a Siviglia si avverte l’atmosfera arabeggiante. Palazzi dall’architettura araba, ricca di particolari e di decorazioni raffinate si stagliano nel paesaggio della città, riempiendoci gli occhi di pura bellezza.
Tante sono le attrazioni da visitare a Siviglia e ognuna vi regala suggestioni diverse.

A Siviglia non s’invecchia. È una città in cui si sfuma la vita in un sorriso continuo, senz’altro pensiero che di godersi il bel cielo, le belle casine, i giardinetti voluttuosi. (De Amicis)

LEGGI ANCHE: In Provenza sulle orme di Vincent Van Gogh

La Cattedrale e la Giralda

La Cattedrale di Siviglia è uno dei monumenti più caratteristici della città. Si tratta di un immenso edificio, talmente grande da essere la terza chiesa più grande d’Europa, dopo la basilica di San Pietro e la cattedrale di Saint’s Paul di Londra. Costruita nel 1401, al suo interno vi sono custodite le spoglie di Cristoforo Colombo. La moltitudine di particolari e di decori preziosi è tale da far venire il mal di testa!
La Giralda invece è la torre campanara della cattedrale e la sua bellezza è dovuta al fatto che in precedenza fosse il minareto della moschea di Siviglia. La Giralda è l’edificio più alto della città, oltre che essere il simbolo.

Real Alcazar

Il Real Alcazar di Siviglia è un edificio fantastico e incredibile per la sua lussureggiante bellezza. Patii, giardini, fontane, vegetazione, decori fantastici vi lasceranno continuamente a bocca aperta. Si tratta del palazzo reale costruito dai califfi arabi e quindi le architetture arabe spiccano ovunque.
L’Alcazar è testimone fedele della storia di Siviglia, segnata dalla diversità delle culture che hanno lasciato in questa città. Passeggiare per i suoi viali costellati di aranci e mirti ci trasporta ad un’altra epoca, che indubbiamente hanno marcato la traiettoria della nostra Città.
In quest’edificio sono state girate alcune scene del Trono di Spade.

Plaza de España

Bellissima e imponente: Plaza de España assomiglia a una cartolina. Rappresenta il potere della Spagna e delle sue regioni e province. Attraversata da un corso d’acqua (navigabile con delle barchette a noleggio), questa piazza di Siviglia è assolutamente imperdibile. Di fronte a lei si staglia il Parque di Maria Luisa, un parco lussureggiante, ricco di fiori, vegetazione esotica e corsi d’acqua.
È in Plaza de España che è stata girata una scena di Guerre Stellari.

Palacio de las Dueñas

La mia infanzia è il ricordo di un cortile di Siviglia

e un orto chiaro in cui matura il limone

Sono queste le parole di Antonio Machado dedicate a Siviglia nella sua poesia Ricordo. Il poeta spagnolo è infatti nato a Siviglia il 26 luglio del 1875 e qui ha vissuto la prima parte della sua esistenza, precisamente nel Palacio de las Dueñas, di cui il padre era custode.

Es esta luz de Sevilla… Es el palacio donde nací,

con su rumor de fuente

Il Palazzo de las Dueñas era la dimora dei Duchi d’Alba ed è un complesso di edifici che mescolano differenti stili dal gotico al rinascimentale a quello tipico degli azulejos.

LEGGI ANCHE: Viaggio nella Sicilia di Camilleri, tutti i luoghi del commissario Montalbano

© Riproduzione Riservata