Musica e arte

Chi sono i Coma_Cose, il duo che si ispira a De Chirico e alla Beat Generation

Ultimamente si parla tanto dei Coma_Cose, il duo milanese che unisce nei suoi testi Milano, la poesia, la Beat Generation e De Chirico
Chi sono i Coma_Cose, il duo che si ispira a De Chirico e alla Beat Generation

MILANO – Ultimamente si sente molto parlare dei Coma_Cose, il duo “milanese” formato da Fausto Lama e da California DJ, due giovani fuorisede con la passione per la musica che hanno trovato in Milano la loro casa e la loro fonte di ispirazione: infatti lui, originario di Brescia, ha sempre avuto la passione per le canzoni e, soprattutto per lo scrivere le canzoni, ha incontrato lei, conosciuta nelle scena elettronica di Pordenone, nelle vie di Milano e così oltre ad essere nato l’amore, hanno deciso di dar vita al gruppo che sta riscuotendo parecchio successo dei Coma_Cose.
Tra le loro canzoni più famose rientrano Post ConcertoMancarsi e Anima lattina.
Ma chi sono i Coma_Cose e a chi si ispirano? 

LEGGI ANCHE: L’amore casto di De Chirico per la sua “Alceste”

Le fonti di ispirazione dei Coma_Cose

Il nome Coma_Cose è stato scelto perché il coma, dicono loro, è rappresentativo della nostra epoca in cui dormiamo e viviamo in uno stato appunto comatoso, ma adesso dobbiamo aprire gli occhi e svegliarci. È un nome che funge da provocazione. Ma oltre alla dimensione sociale, i Coma_Cose hanno un qualcosa di poetico e lo testimoniano anche le loro fonti di ispirazioni. Sono tutte legate al mondo della letteratura e dell’arte.
Infatti ammirano e si rifanno alla Beat Generation: «Sono passati più di 60 anni dalla ruggente epoca della Beat Generation ma la loro rivoluzione culturale sopravvive. Per noi la necessità impulsiva del fare musica rimane un concetto di libertà che ritroviamo nelle loro pagine, citando Jack Kerouac: “Non usare il telefono, La gente non è mai pronta a rispondere, usa la poesia”». La libertà e la poesie come fondamenta per veicolare i propri concetti.

Non usare il telefono, La gente non è mai pronta a rispondere, usa la poesia

Altro punto di riferimento piuttosto interessante dei Coma_Cose è il pittore metafisico De Chirico, in quanto le sue opere sono sempre ambientate in paesaggi surreali, ricchi di chiaroscuri, fermi nel tempo. De Chirico e Dalì, secondo i Coma_Cose, hanno molti punti di contatto, anche se in De Chirico c’è più Italia. Il forte sole dei suoi dipinti fa pensare alle ore assolate estive in cui non è raccomandato uscire. All’interno della sua arte convivono epoche diverse, come nelle canzoni dei due cantanti, in cui cantautori italiani classici e tradizionali si mescolano alla musica hip hop e più contemporanea. Come accade in Anima lattina, la canzone che cita Anima latina di Lucio Battisti, o in Deserto in cui cantano: “Poi ti ho portata sul Naviglio/ con in mano un bicchiere di sale/e l’ho buttato in acqua come a dirti/ vedi non ho niente però ti regalo il mare” ricordando la Milano di Enzo Jannacci.

 

© Riproduzione Riservata