Prevale la saggistica nella classifica settimanale inglese delle vendite secondo The Guardian

Dalla cucina alla linguistica, passando attraverso il calcio, la religione e la storia: nella classifica settimanale inglese dei best seller secondo The guardian, la saggistica prevale sulla narrativa, con libri che spaziano attraverso una grande varietà di argomenti. Al primo posto ''Jerusalem'' di Yotam Ottolenghi, in cui l'autore, cresciuto a Gerusalemme, presenta i piatti tipici della sua terra di origine...

Cucina, calcio, religione, storia e linguistica: grande varietà di argomenti nella top five dei best seller inglesi, guidata da “Jerusalem” di Yotam Ottolenghi

MILANO – Dalla cucina alla linguistica, passando attraverso il calcio, la religione e la storia: nella classifica settimanale inglese dei best seller secondo The guardian, la saggistica prevale sulla narrativa, con libri che spaziano attraverso una grande varietà di argomenti. Al primo posto “Jerusalem” di Yotam Ottolenghi, in cui l’autore, cresciuto a Gerusalemme, presenta i piatti tipici della sua terra di origine.

Uscito da poco nel Regno Unito, “Jerusalem” è il risultato di due anni di lavoro, passati a ricercare, raccogliere e testare ricette, a selezionare le migliori, a cucinare e fotografare queste delizie del palato. Scendendo lungo la classifica, si passa da un libro che stuzzica l’appetito a un altro che solletica le nostre curiosità verso un mondo che osserviamo con interesse da lontano, quello del calcio: al secondo posto si piazza “I Am The Secret Footballer”. Un calciatore che vuole restare anonimo al grande pubblico racconta qui i dettagli segreti della vita di un professionista del pallone: le soddisfazioni e le frustrazioni, i salari da capogiro, gli scandali, aspetti positivi e negativi di un lavoro che sarebbe il sogno di molti.

A completare il podio un libro scritto in difesa del cristianesimo, “Unapologetic” di Francis Spufford. Il testo non vuole essere una dimostrazione della verità della fede cristiana, ma un’argomentazione a favore della sua dignità e ragionevolezza, in quanto credo che indaga l’esperienza profonda dell’umano e dà risposte a domande fondamentali dell’esistenza. Si aggiudica il quarto posto in classifica “A History of the World in Twelve Maps” di Jerry Brotton, che ripercorre la storia del mondo attraverso la cartografia, prendendo in considerazione dodici diverse mappe rappresentative dell’immagine della Terra nelle varie epoche, dall’antichità a oggi. In quinta posizione troviamo “Spell It Out”, in cui il maggior esperto inglese di linguistica, David Crystal, spiega come siano entrate nella grammatica le irregolarità dello spelling inglese.   

1. Yotam Ottolenghi – Jerusalem
2. I Am The Secret Footballer
3. Francis Spufford – Unapologetic  
4. Jerry Brotton – A History of the World in Twelve Maps
5. David Crystal – Spell It Out

 

10 settembre 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti