Sei qui: Home » Libri » Librerie » Pieri di inMondadori.it, ”Crediamo molto nel supporto reciproco delle librerie on e offline”

Pieri di inMondadori.it, ”Crediamo molto nel supporto reciproco delle librerie on e offline”

''Creando proposte personalizzate e che permettono l'interazione tra i canali on e offline è possibile rafforzarli entrambi''. È questa la filosofia alla base dell'attività delle librerie del Gruppo Mondadori secondo quanto affermato da Marco Pieri, Marketing Manager del canale di e-commerce inMondadori.it...
Marco Pieri, Marketing Manager di inMondadori.it spiega quali siano le particolarità del canale di vendita online del Gruppo Editoriale leader in Italia, che si caratterizza per una forte interazione con i negozi fisici

MILANO – “Creando proposte personalizzate e che permettono l’interazione tra i canali on e offline è possibile rafforzarli entrambi”. È questa la filosofia alla base dell’attività delle librerie del Gruppo Mondadori secondo quanto affermato da Marco Pieri, Marketing Manager del canale di e-commerce inMondadori.it. Pieri ci spiega in cosa consista concretamente questa interazione.

Quali sono le specificità di inMondadori.it rispetto ad altri rivenditori online?
inMondadori.it nasce e si sviluppa con lo scopo di essere non solo un canale di e-commerce ma anche parte integrante del mondo dei negozi Mondadori. Questo vale sia per l’offerta commerciale – che comprende tutte le tipologie di prodotto destinati al mondo dell’intrattenimento, in primis i libri, fisici e digitali, che rimangono il nostro core business – sia per i servizi incentrati sulla multicanalità che mettiamo a disposizione dei nostri clienti, tra cui web-to-store, programma fedeltà e store locator.
 
In che modo l’attività di inMondadori.it implementa e completa quella delle librerie e dei multicenter?
Passando dalla homepage del sito, l’utente può notare subito la presenza di servizi che mettono in forte relazione il mondo dei negozi con lo store online. È possibile infatti acquistare online e ritirare il proprio ordine in uno dei punti vendita fisici utilizzando il servizio inPunto di ritiro, così come è possibile utilizzare le nostre Carte Regalo o Gift Card sul sito e nelle librerie Mondadori. Siamo solo agli inizi di un processo di condivisione di iniziative e operazioni commerciali che intensificheremo nei prossimi mesi.
La multicanalità viene garantita anche nella presentazione dell’offerta online: ci teniamo ad essere librai sia sul web sia nei punti vendita. Per questo all’interno del sito abbiamo un’area dedicata agli approfondimenti editoriali, volta a far conoscere meglio i prodotti e le promozioni ai nostri clienti anche interagendo con loro e coinvolgendoli nel commentare sia iniziative che libri .  
Offriamo anche uno spazio dedicato agli eventi presenti nelle librerie fisiche: consultando le varie aree del nostro sito, ci si può sentire come se si fosse all’interno di un Multicenter. Per amplificare la nostra presenza ci serviamo anche dei canali social (soprattutto Twitter, Facebook e Google+), in cui proponiamo gli eventi a cui partecipare nei punti vendita fisici, le promozioni presenti sia online che offline e i prodotti che vogliamo far conoscere a chi ci segue.

Attualmente, molte librerie dichiarano di chiudere per colpa di internet, che sottrae loro un’ampia fetta di pubblico. Crede che ci sia una via per instaurare una collaborazione virtuosa tra le due realtà, di modo che ognuna risponda a specifici e diversi bisogni del mercato?
Crediamo fermamente nel valore di un’offerta integrata e nel supporto reciproco di on e offline, poiché oggi i clienti hanno esigenze molto diverse e sempre più individuali. Creando proposte personalizzate e che permettono l’interazione tra i vari canali è possibile rafforzarli entrambi. Un esempio è stata la partnership del nostro Gruppo (Mondadori) con Kobo Inc. per il lancio degli eReader Kobo in Italia: le librerie fisiche e il canale online inMondadori.it hanno collaborato intensamente per raggiungere un obiettivo comune, contribuendo al successo dell’operazione, con vendite che hanno soddisfatto le aspettative del sito e dei punti vendita fisici.  

In base a quanto può osservare dalle vendite di inMondadori.it, i lettori online comprano più libri cartacei o digitali?
L’Italia è un paese in cui si legge ancora molto su carta anche se il mercato degli ebook è in forte ascesa.

Crede che anche il mercato online risenta della crisi attuale?
Quello dell’online è un mercato contraddistinto da costi operativi inferiori a quelli di un negozio e che permette di offrire al proprio cliente una reale possibilità di risparmio; tuttavia la crisi che ha investito il Paese ha intaccato il potere d’acquisto dei consumatori che hanno fortemente rallentato il loro consumo culturale già a partire dal 2011. L’andamento delle vendite dell’ultimo semestre ci fa comunque guardare al futuro con ottimismo.

11 luglio 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Marcel Proust e il tempo perduto e ritrovato

Stefano Cerio, ”Negli scatti raccolti nel mio libro ribalto la visione consueta dei luoghi”

Successivo

Lascia un commento