Sei qui: Home » Libri » Autori » Il Commissario Montalbano di Andrea Camilleri torna in libreria con ”Un covo di vipere”

Il Commissario Montalbano di Andrea Camilleri torna in libreria con ”Un covo di vipere”

Torna in libreria il Commissario Montalbano, il personaggio letterario e televisivo, protagonista dei romanzi polizieschi di Andrea Camilleri e delle serie televisive derivate. Lo fa con un nuovo romanzo ''Un covo di vipere'', il 21mo della serie con protagonista Salvo Montalbano...

Dal 30 maggio in libreria con Sellerio il 21mo romanzo della serie con protagonista il celebre Commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri

MILANO – Torna in libreria il Commissario Montalbano, il personaggio letterario e televisivo, protagonista dei romanzi polizieschi di Andrea Camilleri e delle serie televisive derivate. Lo fa con un nuovo romanzo “Un covo di vipere”, il 21mo della serie con protagonista Salvo Montalbano, il commissario di polizia che svolge le sue funzioni nell’immaginaria cittadina di Vigata, sulla costa siciliana.

UNA NUOVA INDAGINE – In questo romanzo, Salvo Montalbano indagherà sulla morte del ragionier Cosimo Barletta, il cui movente dell’omicidio sembra incomprensibile: il ragioniere aveva casa in paese e al mare in suo villino dove è stato ritrovato cadavere e dove non appare alcuna traccia di violenza. Cosimo Barletta, vedovo e con due figli Arturo e Giovanni ormai sposati, conduceva un’apparente vita tranquilla da benestante; almeno così sembra sino a quando non si scoprono nel doppio fondo di un cassetto di una scrivania foto e lettere che rivelano una personalità equivoca. Da qui iniziano le indagini del Commissario, che lo porteranno alla soluzione dei misteri, attraverso una verità che forse avrebbe preferito non scoprire.

IMPIEGATO DELLA SCRITTURA – Pochi giorni fa il padre del Commissario Montalbano, Andrea Camilleri, ci aveva confessato in un’intervista esclusiva, con la tranquillità e la serenità che lo contraddistingue, di sentirsi un impiegato della scrittura. Questa la sua giornata tipo: ogni mattina si sveglia presto, si reca in studio dove scrive almeno per 3/4 ore. Poi pausa pranzo, quindi il pomeriggio rilegge quello che ha scritto. Una routine sana e redditizia, visto la mole di romanzi che ha realizzato in questi anni. L’anno prossimo si festeggeranno i 20 anni dall’uscita del primo romanzo con protagonista il “suo” commissario Montalbano “La forma dell’acqua”.

ANTEPRIMA – È l’alba a Marinella e il sonno di Montalbano viene interrotto dal canto di un usignolo. O almeno così pare al commissario, salvo poi scoprire che si tratta del fischiettare di un vagabondo che ha trovato rifugio nella verandina durante un temporale di fine estate. Un barbone sui generis però, perché parla un italiano perfetto e si vede che ha conosciuto tempi migliori. Confessa di abitare in una grotta poco distante ma non c’è tempo di approfondire la questione perché Montalbano deve correre in commissariato dove Catarella gli annuncia l’assassinio del ragionier Cosimo Barletta. Nel villino lungo la strada che costeggia il mare nessun segno di effrazione, nessuna traccia di lotta: l’uomo è stato colpito alla nuca da un colpo di pistola mentre seduto in cucina stava bevendo un caffè. Montalbano indaga sui segreti impenetrabili di una famiglia e sui misteri di una comunità.

31 maggio 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata