Al via la 47° edizione del Premio H. C. Andersen – baia delle favole

Al via il 47° Premio H. C. Andersen - baia delle favole, lo storico concorso letterario internazionale per fiabe inedite. Il bando, disponibile sul sito, ha scadenza il 31 marzo 2014 e la premiazione avverrà sabato 7 giugno in occasione dell’Andersen Festival (in programma da giovedì 5 a domenica 8 giugno 2014)...

Torna il famoso concorso letterario internazionale per fiabe inedite con una madrina d’eccezione, Esther Mujawayo. Entrano in giuria le scrittrici Taiye Selasi e Igiaba Scego

MILANO – Al via il 47° Premio H. C. Andersen  – baia delle favole, lo storico concorso letterario internazionale per fiabe inedite. Il bando, disponibile sul sito, ha scadenza il 31 marzo 2014 e la premiazione avverrà sabato 7 giugno  in occasione dell’Andersen Festival (in programma da giovedì 5 a domenica 8 giugno 2014). Da qualche anno è possibile inviare la propria composizione anche attraverso il sito e questo ha inciso significativamente sul numero già alto degli scritti pervenuti.

LE NOVITA’ – Grande novità di questa edizione sarà il concorso Scatti da favola, dedicato alle immagini fotografiche che i partecipanti realizzeranno ispirandosi a fiabe famose e che “leggeranno la realtà” catturata dallo scatto fotografico alla luce delle trame delle favole. Le più belle immagini saranno visibili sul sito del Festival e quelle selezionate per essere premiate saranno pubblicate su Il Secolo XIX, media partner dell’iniziativa. L’idea è quella di dare spazio all’aspetto visivo delle favole che nei libri si esprime con le illustrazioni. Qui saranno le fotografie – oggi, grazie all’avvento del digitale strumento alla portata di tutti  – a rivisitare testi famosi della letteratura di genere e saranno i social network a favorire la diffusione di questo “racconto per immagini”, che permette di oltrepassare, con un linguaggio universale, le barriere nazionali. Il concorso si avvarrà della collaborazione dell’Associazione Carpe Diem di Sestri Levante.

MADRINA E GIURIA – Madrina del Premio 2014 sarà Esther Muyawayo, la scrittrice rwandese nota nel mondo non solo come sopravvissuta al terribile genocidio del 1994 – in cui perse ben 274 famigliari – ma per aver raccontato questa terribile vicenda in libri di grande impatto emotivo. Esther Muyawayo – che nel 2009 ha vinto il prestigioso Premio Internazionale Women World Award – sarà anche ospite d’onore di Andersen Festival 31 nella sezione Realtà del mondo, quest’anno dedicata al Rwanda. Una sezione che accosta il mondo fantastico delle fiabe a uno sguardo partecipe e informato sulla realtà contemporanea, che si è avvalsa negli anni del sostegno di Coop Liguria, e che quest’anno è stata resa possibile anche dalla collaborazione di Goethe Institut Genua e dell’Associazione Bene Rwanda, oltre che di Medici Senza Frontiere. Questa partecipazione – insieme all’ingresso nella giuria del Premio delle scrittrici Taiye Selasi e Igiaba Scego, tutte e due di origine africana – è anche un omaggio al benefico e recente protagonismo delle donne africane nella politica e nella vita di quel continente ricco di contraddizioni ma anche di significative novità sociali.

CATEGORIE – Confermata la suddivisione delle categorie dei premi – Scuola materna (da 3 a 5 anni), Bambini (da 6 a 10 anni), Ragazzi (da 11 a 16 anni) e Adulti (oltre i 17 anni) – il concorso è aperto anche ad autori stranieri, che potranno partecipare con fiabe in lingua inglese, francese, tedesca, spagnola, araba e cinese. La novità del 2014 è l’inserimento nel Premio della possibilità di inviare fiabe anche in lingua russa e danese. Grazie anche a questa apertura internazionale e multilinguistica, sono state più di mille le fiabe in gara nel 2013 per il Premio intitolato al grande scrittore danese che soggiornò a Sestri Levante innamorandosene (da qui il nome della spiaggia “Baia delle Favole”), circa la metà scritte da adulti, il resto dai ragazzi delle diverse categorie ed età. Fiabe in cui emergono alcune differenze rispetto alla tradizione: fa ad esempio capolino la quotidianità, rielaborata con creatività e condita di sana ironia anche per esorcizzare i tempi di crisi, compaiono bambine intraprendenti e coraggiose al posto di eteree e accondiscendenti principesse e, al contrario, ometti timidi e sognatori predominano su principi e re sempre pronti a brandire una spada.

IL PREMIO – Tutti i vincitori riceveranno Sirefiaba Andersen, opera dell’artista Alfredo Gioventù, che raffigura la Sirenetta protagonista della celebre fiaba. In palio per i vincitori delle 4 categorie premi in denaro da € 1000 a € 3000. Il Trofeo “Baia delle Favole” andrà invece ad un’opera particolarmente significativa nell’ambito della produzione per l’infanzia e un fine settimana per due persone, a Sestri Levante sarà assegnato alla migliore fiaba in lingua straniera. La Giuria consegnerà un diploma ad alcune fiabe non premiate nelle categorie ufficiali ma particolarmente meritevoli per contenuti e originalità.
 
8 febbraio 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti