Sei qui: Home » Storie » Storie d'amore » L’amore simbiotico di Sandra Mondaini e Raimondo Vianello
La storia d'amore

L’amore simbiotico di Sandra Mondaini e Raimondo Vianello

Vi raccontiamo l'amore più bello della storia della televisione italiana, ovvero quello tra Sandra Mondaini e Raimondo Vianello

Ricorre oggi l’anniversario della grande Sandra Mondaini, nata a Milano il 1° settembre del 1931 e morta, sempre a Milano, il 21 settembre del 2010. Cresciuta nel mondo del teatro, Sandra conobbe l’amore della sua vita, Raimondo Vianello, all’età di ventisette anni.

Il primo incontro

Sandra e Raimondo si conobbero nel 1958 dopo che lei, nel 1955, entrò a far parte della compagnia di Macario. Nonostante entrambi fossero già rispettivamente fidanzati, Sandra con un produttore e Raimondo con una ballerina, la scintilla scatta comunque. C’è qualcosa di magnetico tra i due ed entrambi non possono fare a meno di assecondare questo flusso di attrazione reciproca. Il coraggio di esternare la cosa, però, lo ha Raimondo, un anno dopo, che durante una cena, rivolgendosi a Sandra afferma “Ma lo sai che mi sono innamorato di te?”.

Sandra e Raimondo

I due attori diventano l’iconica ed eterna coppia subito dopo l’affermazione di Raimondo che spalanca le porte ad un amore travolgente, un fiume in piena di sentimenti, risate, difficoltà e malattie affrontate mano nella mano per tutta la vita. Lasciati i rispettivi compagni, Sandra e Raimondo si fidanzano e dopo tre anni decidono di sposarsi. Era il 28 maggio del 1962 quando i due comici suggellarono la loro promessa d’amore. Cinquant’anni d’amore è tutta una vita, in cinquant’anni si cambia, si cresce e si matura. La vita non è stata sempre rose e fiori per Sandra e Raimondo. Nel 1978 lui scopre di avere un tumore ad un rene, successivamente si ammala anche Sandra, cancro ai polmoni e al seno.

 

La televisione

Sandra e Raimondo fanno coppia fissa nella vita e nel lavoro. Diventano infatti due dei personaggi più rilevanti della televisione italiana. La loro comicità leggera, reale e intramontabile li proietta verso un successo incredibile. I loro sketch sono seguitissimi e continuano con i programmi in Rai fino al 1981. Il loro forte è proprio la vita di coppia tra battibecchi e punzecchiature che li renderanno un vero e proprio simbolo. Dal 1988 iniziano a lavorare sulle reti Mediaset con lo show “Casa Vianello“, reso famoso dall’indimenticabile “Che barba che noia!” esclamato da Sandra che scalcia le coperte mentre Raimondo, impassibile, cerca di leggere La Gazzetta dello Sport.

La promessa del “Per sempre”

L’amore tra Sandra e Raimondo viene sottoposto anche all’ultima e dolorosissima prova che la vita pone a tutte le coppie, ovvero la morte. Raimondo morì il 15 aprile del 2010, Sandra, svuotata dal dolore e sopraffatta dalla mancanza dell’amore della sua vita, si lasciò andare qualche mese dopo per raggiungere il marito che spesso, come raccontava, chiamava dal Paradiso. Era il 21 settembre del 2010 quando lo raggiunse in quel luogo sereno dove li immaginiamo ancora ridere insieme.

 

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata