CULTURA - Perché esiste il Pesce d'Aprile?

Pesce d’aprile, ecco l’origine storica e culturale

L’origine del pesce d’aprile (ricorrenza che accomuna moltissimi paesi) non è storicamente determinata. L’ipotesi più accreditata tuttavia ambienta l’inizio di questo “culto” della burla in Francia...

Il Pesce d’Aprile è un’usanza diffusa in molti paesi. Non esiste una certezza assoluta riguardante la sua origine storica: vi proponiamo la teoria più accreditata 

 

MILANO – L’origine del pesce d’aprile (ricorrenza che accomuna moltissimi paesi) non è storicamente determinata. L’ipotesi più accreditata tuttavia ambienta l’inizio di questo “culto” della burla in Francia. L’attuale calendario che noi tutti conosciamo (il calendario Gregoriano) venne adottato per la prima volta nel 1582. Prima di allora i festeggiamenti per il Capodanno duravano una settimana circa: le celebrazioni iniziavano il 25 marzo (vecchia data dell’equinozio di primavera) per concludersi il primo aprile. Secondo questa corrente di pensiero la burla del primo di aprile andò in origine a colpire coloro che non si erano ancora abituati al nuovo calendario, continuando a festeggiare in questa data una festività ormai “spostata”. 

 

SCHERZO – Secondo la tradizione, molti francesi – alcuni contrari a questo nuovo uso, alcuni semplicemente sbadati – continuarono a festeggiare il giorno finale del Capodanno il primo di aprile, scambiandosi doni e regali com’erano abituati a fare.

Questi iniziarono a essere però presi in giro dai primi “ideatori” del cosiddetto pesce d’aprile: ricevevano infatti pacchetti vuoti o riempiti con regali assurdi, in cui compariva talvolta il dono di un pesce, però cartaceo: un semplice biglietto con la scritta “Pesce d’Aprile”.

 

1 aprile 2015

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti